Samsung Galaxy Z Fold 3

Unpacked 2021: ecco Samsung Galaxy Z Fold 3


Una volta Unpacked voleva dire Samsung Galaxy Note. Quest’anno non è stato così. Samsung ha presentato online i nuovi pieghevoli Samsung Galaxy Fold 3 (di cui parleremo in questo articolo), Samsung Galaxy Z Flip 3 5G. Z Fold 3 che ha la possibilità di supportare il pennino che ha segnato la fortuna della serie Note che potrebbe essere giunta al capolinea. Spazio anche per il nuovo Watch. In realtà, salvo il Watch, le specifiche dei due foldable erano già note per via dei leak e rumors che hanno continuato ad imperversare fino a poche ore prima della presentazione ufficiale.

Samsung Galaxy Z Fold 3, costruzione

Rispetto al passato migliora la qualità costruttiva, niente più plastica e troviamo anche certificazione IPX8 per la resistenza all’acqua. Vi è anche una pellicola protettiva in PET elasticizzato per proteggere lo schermo e che diventa l’80% più resistente rispetto alle precedenti generazioni. Lo smartphone è costruito in vetro con protezione Corning Gorilla Glass Victus. Pesa 271 grammi e dispone di un sensore di impronte digitali laterale.

Samsung Galaxy Z Fold 3

Le specifiche tecniche

Lo smartphone pieghevole è alimentato dallo Snapdragon 888, ed è venduto in due configurazioni di memoria. La prima è da 12/256 GB e la seconda da 12/512 GB. Tra le due versione c’è una discrepanza di 100 euro di prezzo. A bordo Android 11 con interfaccia Samsung One UI 3.5. Così come visto su Mi Mix 3 nella giornata di ieri, anche il foldable di Samsung si avvale della tecnologia UWB (Ultra Wide Band). La batteria è da 4.400 mAh, con supporto alla ricarica da 25W, 10W wireless e 4,5W inversa . Lo smartphone è Dual SIM e supporta le eSIM.

Samsung Galaxy Z Fold 3

I due schermi e S Pen

Parliamo subito di display, quello esterno è un pannello da 6,2 pollici Super AMOLED con risoluzione da 2.268 x 832 pixel e frequenza d’aggiornamento da 60Hz. Da questo schermo è possibile compiere tutte le operazioni necessarie, per non dover essere costretti ad aprire lo schermo pieghevole che cela, garantito comunque fino a 200.000 aperture. Una volta aperto lo schermo nasconde a sua volta uno schermo flessibile da 7,6 pollici, un pannello Infinity Flex Dynamic AMOLED. La risoluzione dello schermo esterno è QXGA+ da 2.208 x1.768 pixel ed è senza interruzioni. Già perché anche il pieghevole di Samsung si avvale della fotocamera sotto al display, così come Xiaomi, OPPO e ZTE.

Gli schermi saranno compatibili con la S Pen che ha di fatto segnato l’inizio e la fine della linea Note, anche se a differenza di quest’ultimi, non saranno in confezione, ma andranno acquistati a parte. Inoltre, sarà necessario anche acquistare una custodia per l’alloggio, dato che a differenza dei Note, il Fold ne è sprovvisto. Spazio anche al multitasking; grazie alle innovazioni a livello software, si potranno gestire fino a tre applicazioni contemporaneamente.

Il reparto fotografico di Galaxy Z Fold 3

Il reparto fotografico di Galaxy Z Fold 3, oltre alla già citata fotocamera sotto al display interno da 4 Mpixel, c’è anche la fotocamera anteriore nel display esterno da 10 Mpixel. Ci sono inoltre tre fotocamere da 12 Mpixel, standard con stabilizzatore ottico, grandangolare con lente da 123° e tele con zoom ottico 2x.

Prezzi e disponibilità

Lo smartphone sarà disponibile a partire dal 27 agosto al prezzo di 1.849 euro per la configurazione da 12/256 GB e 1.949 euro per quella da 12/512 GB. Chi acquisterà in pre-ordine a partire da oggi, potrà godere di 1 anno del servizio Samsung Care+, fino a 450 euro di valutazione dell’usato e del Note Pack, che include Flip Cover, S Pen e adattatore da 25W, per un valore di 89 euro. Le colorazioni sono Phantom Black, Phantom Green e Phantom Silver. I dispositivi sono già in pre-ordine anche su Amazon:

Seguici su Facebook!

Giornalista pubblicista, SEO Specialist, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Ho scritto per PC Professionale, SportEconomy e Corriere della Sera, oltre ovviamente a Smartphonology.