Le Best Inventions di TIME del 2023 più interessanti

Aiutaci a crescere: lasciaci un like :)

Ogni anno, la rivista TIME pubblica un elenco delle Best Inventions, una selezione di quelle invenzioni che hanno avuto un impatto significativo sulla nostra vita o che promettono di farlo in futuro. Ma cosa rende un’invenzione degna di questo riconoscimento e chi decide quali prodotti meritano di essere inclusi in questa lista tanto ambita? La lista delle “Best Inventions” è un elenco annuale che mette in evidenza le invenzioni più innovative e rivoluzionarie del momento. Questo elenco è una vetrina di eccellenza che spazia attraverso diversi settori, dalla tecnologia alla medicina, dall’energia sostenibile al design. Il fine è quello di riconoscere e celebrare l’ingegno umano in tutte le sue forme.

Le invenzioni vengono selezionate in base a una serie di criteri che includono originalità, efficacia nel risolvere un problema specifico e potenziale impatto su scala globale. Un comitato di esperti e giornalisti della rivista TIME si occupa di esaminare le candidature, spesso numerose, e di scegliere quelle che, a loro avviso, meritano di essere riconosciute per il loro valore innovativo. Ma quali sono le più interessanti? Le abbiamo elencate in questo articolo. Nell’elenco di TIME anche nostre vecchie conoscenze, come uno smartphone Nokia che abbiamo anche recensito e altri device di cui abbiamo parlato.

Le Best Inventions di TIME del 2023 più interessanti

Amazon Echo Hub

Un anello per ghermirli… Uno dei motivi per cui TIME ha scelto Amazon Echo Hub è per la capacità di gestire tutti i prodotti compatibili della smart home. E negli USA, sono milioni i clienti con più di 20 dispositivi Alexa in casa, secondo Melissa Cha, vicepresidente della casa intelligente di Amazon.

OPPO Tag Zero Power

Non è una novità, OPPO ha iniziato a parlare di questa tecnologia negli anni scorsi, ma ci stiamo avvicinando alla sua effettiva introduzione sul mercato. Stiamo parlando di OPPO Tag Zero Power, un dispositivo di localizzazione leggero in grado di trasmettere informazioni come posizione e temperatura, raccogliendo al contempo la poca energia di cui ha bisogno da fonti di energia ambientale come onde radio, luce e calore, in modo da non rimanere mai senza energia. Non è detto che in futuro non venga utilizzato anche da altri dispositivi.

Nokia G22 e Samsung Galaxy Z Flip5

Lo smartphone riparabile di HMD Global non è passato inosservato dai giornalisti di TIME ed è stato selezionato per le sue ampie possibilità di riparazione, che hanno lo scopo di prolungare sensibilmente il suo ciclo di vita, per non finire in discarica. Lo abbiamo recensito qui, non troppo tempo fa. Un altro smartphone è stato premiato da TIME, ovvero il Galaxy Z Flip5. Il motivo per la funzionalità Flex Window disponibile sullo schermo da 3,4 pollici.

Il parental control di Bark

Il parental control di Bark è un po’ diverso e più completo. Permette di monitorare la sicurezza del proprio figlio anche online. Grazie all’Intelligenza Artificiale, il software permette di monitorare anche i messaggi pubblici lasciati sui social dei minori. Ma non è solo il servizio in sé: difatti, almeno negli USA, è possibile avvalersi di uno smartphone già configurato per procedere in tal senso e avere un dispositivo sicuro per i più piccoli.

Leia Lume 3D

Tracciando gli occhi con l’intelligenza artificiale, Leia Lume Pad 2, un tablet Android, può presentare video 2D e 3D in 3D, senza bisogno di occhiali.

Sensibo Air Pro

Quest’anno, uno dei prodotti che ha ricevuto una menzione speciale è il primo controller intelligente per sistemi di riscaldamento e condizionamento con monitoraggio della qualità dell’aria indoor. In un periodo di crescente attenzione al cambiamento climatico, questa invenzione promette di ridurre del 20% l’uso energetico, contribuendo così alla lotta contro il riscaldamento globale. Secondo l’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA) il 25% dell’energia mondiale è consumata da dispositivi di riscaldamento e raffreddamento. Sensibo, attraverso la sua tecnologia, è in grado di ridurre questo consumo energetico di circa del 20%.

Giornalista pubblicista, SEO Specialist, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Ho scritto per PC Professionale, SportEconomy e Corriere della Sera, oltre ovviamente a Smartphonology.