Apple Watch al centro dei progetti futuri di Apple


Nel Nord America il tasso di collegamento di un Apple Watch ad un iPhone nel Nord America ha raggiunto il 30% nella prima metà del 2022, secondo quanto riferito dai dati di Counterpoint. Il tasso di connessione è il più alto dal lancio dello smartwatch nel 2015, quando per ogni dieci iPhone è stato venduto un Apple Watch. Un tasso in aumento nel corso degli ultimi anni dal primo lancio, quando inizialmente la domanda era limitata. All’inizio gli acquirenti non imputavano al gadget una effettiva utilità, acquistato perlopiù come un accessorio di moda. Tuttavia gli ultimi modelli di Apple Watch (spesso accompagnati da spot alquanto disturbanti, NdR) hanno permesso di riconoscere tre valori negli utenti, tra cui il fitness, la salute e il benessere.

Tasso di allegato di Apple Watch
La linea nera mostra il tasso di collegamento di un Apple Watch ad un iPhone, quella grigia la revenue di un Apple Watch e un iPhone.

Le nuove funzionalità

Nel 2015 Apple Watch consentiva una contenuta quantità di funzioni. Era possibile pagare, telefonare e inviare messaggi. Ma non era in grado di offrire i vantaggi di differenziare l’utilizzo rispetto ad uno smartphone. Sono attivate comunque nuove funzionalità, come:

  • Impermeabilità
  • GPS
  • Connettività dati
  • ECG
  • Monitoraggio del sonno
  • Always-On
  • Rilevamento delle cadute
  • Rilevamento SpO2
  • Rilevamento temperatura corporea
  • Monitoraggio ovulazione

In questo modo sono state apportate nuove opzioni per il monitoraggio della salute, oltre a permettere un’alternativa per l’impiego di alcune funzionalità oltre allo smartphone. Secondo gli analisti di Counterpoint, l’azienda di Cupertino ha dominato lo scorso decennio come una delle aziende più importanti al mondo e manterrà un ruolo chiave anche in questo appena iniziato grazie proprio ad Apple Watch.

Apple Watch porta a nuove opportunità di guadagno

Questo perché ogni anno Apple riesce a risicare parte di clienti dell’ecosistema Android nel segmento smartphone, con la conseguente saturazione dello stesso. Ecco perché Apple Watch si pone al centro della nuova strategia della mela morsicata, in quanto il brand sta cercando un aumento dei ricavi nella fascia alta. Globalmente le spedizioni di Apple Watch sono state del 18% rispetto a quelle di iPhone nel 2021. Se Apple vede ogni utente di iPhone come un potenziale utente di Apple Watch, l’opportunità di guadagno annuale per lo smartwatch è approssimabile a 70 miliardi di dollari. Che è quasi il 550% in più rispetto all’attuale ricavo annuale stimato dalle vendite dell’orologio intelligente di Cupertino.

Il prezzo medio di vendita comunque continuerà a crescere anche per via dell’introduzioni di varianti premium, come Apple Watch Ultra, che attualmente costa quanto un iPhone 14. Con una conseguente opportunità di guadagno più alta. Inoltre nel corso del terzo trimestre del 2022 i servizi hanno generato il 23,6% delle entrate totali di Apple, che nello stesso periodo del 2015 erano invece poco più del 10%. Anche in questo caso gli Apple Watch avranno un ruolo chiave per abbonamenti come Apple Care (ne abbiamo parlato qui), Apple Music e Apple Podcast. Con la possibilità di ulteriore crescita per nuovi servizi sviluppati appositamente per lo smartwatch.

Apple Watch rafforza inoltre la strategia del “Walled Garden” (giardino recintato) ovvero la scelta di mantenere il proprio ecosistema chiuso. In questo modo è difficile che gli utenti possano migrare altrove, con l’opportunità per l’azienda di creare nuove piattaforme hardware e nuove opportunità di guadagno, con le prossime incursioni di Cupertino nel settore Health, Fintech e Automotive.

Una lenta ma costante adozione quella di Apple Watch da parte degli utenti, che Apple mira ad incrementare con nuovi servizi e nuove funzionalità. Le opzioni per gli acquirenti sono diventate più chiare nel tempo, con un aumento del tasso di collegamento e aprendo una strada ad Apple a ulteriori ricavi hardware e software. La prossima sfida per l’azienda fondata da Steve Jobs è trovare nuove vie da mostrare agli utenti che gli indossabili sono una parte vitale nella collezione di dispositivi. Nuove funzionalità come quelle precedentemente elencate e il monitoraggio di salute e forma fisica sono dunque un buon punto di partenza. Ma Apple sa che dovrà sfruttare tutta la creatività e genialità possibile per conquistare anche gli utenti che non sono ancora stati conquistati dal segmento degli orologi intelligenti.

Segui Smartphonology su YouTube!

Giornalista pubblicista, SEO Specialist, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Ho scritto per PC Professionale, SportEconomy e Corriere della Sera, oltre ovviamente a Smartphonology.