password sicura

3 consigli per NON DIMENTICARE le password


Le password e l’autenticazione a due fattori sono due elementi imprescindibili per la sicurezza informatica. Spesso si utilizza il password manager di Google Chrome o di Microsoft Edge (o peggio ancora, le si annota su carta o su un file) ma non sempre sono pratiche sicure al 100%. Molto meglio utilizzare un password manager di qualche agenzia di sicurezza. Tuttavia ci sono delle accortezze che si possono mettere in pratica per non dimenticare le password.

Scordare le proprie credenziali non è un disagio solo per l’utente, ma anche per l’economia. Un dato riportato su Wired mostra che quattro utenti su cinque potrebbero aver perso la propria chiave di autenticazione negli ultimi 90 giorni, mentre 1 acquisto su 3 viene abbandonato perché le credenziali vengono dimenticate. Ma è normale, dal momento che in media una persona possiede password per circa 90 account e che Il 21% degli utenti dimentica le password dopo 2 settimane e il 25% almeno una volta al giorno. Può succedere quando si generano chiavi di autenticazione complesse o si delega il browser a crearne una, d’altronde gli account vengono violati perché una delle password più comuni è… password.

I consigli per non dimenticare le password

  1. Usa la tastiera come ispirazione per la creazione delle password
  2. Utilizza una citazione o il testo di una canzone
  3. Usa un password manager affidabile

I consigli, forniti da Reboot SEO Company, possono essere messi in pratica molto semplicemente. Nel primo caso è possibile ad esempio creare una forma geometrica utilizzando i tasti della tastiera. Può essere utile per chi ha difficoltà a ricordare le parole o l’ortografia. Quando un malintenzionato cercherà di utilizzare un tool che prevede gli attacchi basati sul dizionario, saranno inefficaci utilizzando come spunto una forma geometrica. La forma dovrà comunque avere almeno 8 caratteri.

Usare la frase di un film o il testo di una canzone possono essere più facile da ricordare rispetto ad una sequenza di numeri e simboli casuali, inoltre è un sistema sicuro grazie alla lunghezza dei caratteri. Invece di una parola, se la frase è lunga, è meno vulnerabile agli attacchi basati sull’uso del dizionario.

Il gestore di password rimane comunque uno degli strumenti più sicuri e affidabili, perché si basa sulla crittografia. Nemmeno chi ha sviluppato i vari tool possono accedere o conoscere le password create, per cui rimangono tra i migliori sistemi per non dimenticare le password. Ma almeno una bisogna ricordarla, ovvero quella del gestore!

come scoprire se la password è stata rubata

Gli account di cui ci si dimentica più spesso le credenziali

Quelli sotto riportati sono i cinque account di cui più spesso ci si dimentica le credenziali, con Meta al terzo e al quinto posto e Apple al primo e al quarto, con Google al secondo posto. L’ID Apple ha una media annuale di 3.361.200 ricerche su Google relative a password scordate. L’account è univoco per i dispositivi Mac, iPad e iPhone e considerando che nel mondo ci sono 1,2 miliardi di iPhone, non è difficile credere che sia al primo posto. Al quarto posto invece troviamo iCloud, che ogni anno conta 546 mila ricerche relative alle credenziali smarrite.

  • ID Apple
  • Gmail
  • Instagram
  • iCloud
  • Facebook

Gmail vede 2.511.600 ricerche in media ogni anno, di persone che cercano di recuperare le proprie credenziali. L’account di posta di Google ha rappresentato il 36,5% delle email aperte globalmente nel 2021 (e come tutte le e-mail, hanno creato inquinamento digitale)

Instagram è al terzo posto con 1.192.800 ricerche annuali relative al recupero delle password. Uno dei social più utilizzati sin dalla sua fondazione nel 2010. Una stima vede il social network controllato da quasi il 13% dell’umanità ogni mese. Sempre di Meta anche Facebook, con al terzo posto 523.200 ricerche annuali. Statista ha stimato che il 39,8% della popolazione mondiale abbia un account su Facebook. Uno dei motivi per cui i cybercriminali possono utilizzare l’ingegneria sociale per impossessarsi degli account degli utenti.

Seguici su Facebook!

Giornalista pubblicista, SEO Specialist, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Ho scritto per PC Professionale, SportEconomy e Corriere della Sera, oltre ovviamente a Smartphonology.