Il mercato dei tablet in flessione: l’analisi sul terzo trimestre 2023


Nel corso del terzo trimestre del 2023, il settore dei tablet ha registrato una flessione significativa a livello globale, con una diminuzione del 14,2% su base annua. Nonostante una domanda in calo, l’International Data Corporation (IDC) rileva comunque un incremento stagionale del 18% rispetto al trimestre precedente. I dati preliminari del Worldwide Quarterly Personal Computing Device Tracker mostrano che sono state spedite 33,2 milioni di unità in questo segmento.

In dettaglio, mentre i Chromebook (appena svelati nelal versione Plus) hanno seguito un trend negativo con 3,5 milioni di unità spedite e un calo del 20,8% rispetto all’anno precedente, il mercato di questi dispositivi sembra orientato a una potenziale ripresa grazie al rinnovo imminente nel segmento dell’educazione e ai residui di budget all’interno delle spese governative. Apple continua a guidare il mercato dei tablet con 12,5 milioni di unità spedite, pur registrando una diminuzione del 15,1% su base annua. Contrariamente agli anni precedenti, la casa di Cupertino non ha lanciato nuovi modelli nel terzo trimestre, il che di solito stimola le vendite nella seconda metà dell’anno. Tuttavia, è riuscita a mantenere la propria quota di mercato invariata rispetto all’anno precedente.

Samsung, con 6 milioni di unità spedite, si posiziona al secondo posto, focalizzandosi sulla ripresa e concentrandosi sul segmento premium, accompagnato da campagne di marketing aggiuntive. Lenovo e Huawei occupano rispettivamente la terza e la quarta posizione, con 2,6 milioni e 2,3 milioni di unità spedite. Amazon, dopo una performance scialba nel trimestre precedente, è riuscita a posizionarsi nuovamente tra i primi cinque, puntando alla stagione festiva e lanciando un nuovo dispositivo di fascia alta a prezzo competitivo, il Fire Max 11.

Anuroopa Nataraj, analista senior con IDC’s Mobility and Consumer Device Trackers, commenta che i primi tre trimestri del 2023 hanno registrato alcune delle più grandi contrazioni nel mercato dei tablet e che la stagione festiva imminente non sembra destinata a differire molto da questo trend. Senza miglioramenti significativi nelle condizioni macroeconomiche, si prevede che i progetti e gli acquisti saranno ulteriormente posticipati nel 2024. Jitesh Ubrani, research manager con IDC’s Mobility and Consumer Device Trackers, sottolinea che i tablet hanno sempre trovato difficoltà a posizionarsi tra i PC e gli smartphone, una situazione che continua a esercitare una pressione al ribasso sul mercato. Tuttavia, i produttori di tablet più riusciti hanno compreso che questi dispositivi funzionano meglio quando integrati piuttosto che in competizione con PC o smartphone. Di conseguenza, ci si aspetta che altri produttori di tablet seguiranno questa direzione, offrendo un’esperienza software e servizi più unificata, anche se ciò richiederà tempo per concretizzarsi.

Segui Smartphonology su YouTube!

Giornalista pubblicista, SEO Specialist, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Ho scritto per PC Professionale, SportEconomy e Corriere della Sera, oltre ovviamente a Smartphonology.