Amazfit Active Edge

Amazfit Active Edge, lo smartwatch per gli amanti del fitness

Aiutaci a crescere: lasciaci un like :)

Amazfit ha introdotto sul mercato italiano Amazfit Active Edge. Questo smartwatch, già riconosciuto per il suo design con un premio ai iF Design Awards 2024, si rivolge specificatamente a un pubblico dinamico, inclusi gli esploratori urbani, che cercano di tenere sotto controllo la propria salute mentre sfruttano le comodità offerte dall’Intelligenza Artificiale.

Il design di Amazfit Active Edge

L’Amazfit Active Edge si distingue per la sua personalizzazione, offrendo agli utenti la possibilità di scegliere tra cento quadranti diversi, con alcune opzioni personalizzabili per adattarsi al gusto e alle preferenze di ciascuno. Una caratteristica notevole di questo modello è la presenza di quattro tasti fisici, a differenza dei due comunemente trovati sugli smartwatch attuali, che migliorano l’interattività e la facilità d’uso. Un altro punto di forza dell’Amazfit Active Edge è il suo rapporto qualità-prezzo, che lo posiziona come una scelta vantaggiosa per chi cerca dispositivi di alta qualità a prezzi competitivi. Il design bicromatico, disponibile nelle tonalità Midnight Pulse (grigio scuro) e Mint Green (verde chiaro), aggiunge un ulteriore tocco di stile all’orologio.

Amazfit Active Edge

Le caratteristiche dello smartwatch

Dal punto di vista tecnico, lo smartwatch è dotato di una batteria da 370 mAh che, abbinata a un processore efficiente, consente un’autonomia fino a 16 giorni con una singola carica, superando la durata media di due settimane tipica dei dispositivi concorrenti. In modalità risparmio energetico, può raggiungere fino a 24 giorni di autonomia. Anche con il GPS attivato, lo smartwatch dimostra prestazioni notevoli, offrendo fino a 20 ore di tracciamento continuo prima di esaurire la batteria. L’Amazfit Active Edge è inoltre progettato per resistere a condizioni estreme, con una resistenza all’acqua di 10 ATM, superiore ai 5 ATM standard, che lo rende idoneo per immersioni a profondità maggiori.

Per gli amanti dello sport e dell’attività fisica, lo smartwatch propone oltre 130 modalità sportive, consentendo un monitoraggio preciso e versatile di svariate attività. Gli utenti possono personalizzare i loro allenamenti attraverso l’applicazione Zepp, oppure affidarsi a Zepp Coach, un allenatore virtuale basato sull’IA che adatta i piani di allenamento alle caratteristiche fisiche e agli obiettivi dell’utente. Dopo ogni sessione, lo smartwatch fornisce un rapporto dettagliato che include informazioni sull’impatto dell’allenamento, il livello di fatica e il tempo necessario per il recupero, grazie agli algoritmi avanzati Peak Beat. L’integrazione dell’Intelligenza Artificiale è una caratteristica distintiva dell’Amazfit Active Edge, che segue le orme di modelli precedenti come Amazfit Cheetah, Amazfit Balance e Amazfit Active. Zepp Coach offre piani di allenamento personalizzati e comunicazione fluida grazie alla tecnologia Large Language Model, garantendo un’esperienza utente intuitiva e interattiva. Il servizio Zepp Aura, disponibile con abbonamento, utilizza dati biometrici per personalizzare suoni che favoriscono il sonno o il relax, completando l’offerta con un rapporto approfondito sulla qualità del sonno.

Prezzi e disponibilità

Amazfit Active Edge è ora disponibile in Italia presso i principali rivenditori, tra cui Euronics, Expert, Unieuro, Media World e Trony, con un prezzo consigliato di 149,9 euro. Questo lancio arricchisce ulteriormente la gamma di smartwatch Amazfit, che include le famiglie Performance, Adventure, Essential e Lifestyle, confermando l’impegno del marchio nell’offrire tecnologia indossabile all’avanguardia per ogni stile di vita.

129,90€
in stock
Mediaworld.it
139,00€
in stock
Euronics.it
139,00€
in stock
Euronics.it

Le ultime da Amazfit:

Errore RSS: WP HTTP Error: cURL error 28: Operation timed out after 10000 milliseconds with 0 bytes received

Giornalista pubblicista, SEO Specialist, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Ho scritto per PC Professionale, SportEconomy e Corriere della Sera, oltre ovviamente a Smartphonology.