moto g72, un 4G che non rinuncia a nulla

moto g72, un 4G che non rinuncia a nulla

Aiutaci a crescere: lasciaci un like :)

Motorola quest’oggi ha presentato moto g72, un telefono 4G che succede al g71 dello scorso anno. Nella parte posteriore offre una fotocamera da 108 Mpixel e che va a rimpolpare la vasta linea G presentata dalla casa alata in questi ultimi tempi. Uno smartphone votato alla multimedialità, anche grazie ai due speaker stereo.

Le specifiche tecniche di moto g72

Lo smartphone di Motorola arriva nelle dimensioni di 160,5 x 74,4 x 7,9 mm e pesa 170 grammi. Il telefono è certificato IP52 (per la resistenza agli schizzi) e prevede due microfoni, due altoparlanti stereo Dolby Atmos e l’ingresso per il jack audio. Lo schermo è OLED con risoluzione da 2.460 x 1.080 pixel e diagonale da 6,6 pollici. Molto luminoso, il display arriva fino a 1.300 nits, con supporto HDR10+ e refresh rate da 120Hz. La protezione è Corning Gorilla Glass 3. Sotto allo schermo è previsto inoltre un sensore di impronte digitali.

Sotto al pannello troviamo il chipset MediaTek Helio G99, con GPU Mali-G57 MC2. La configurazione di memoria è la 6/128 GB, espandibile via microSD, ma è possibile utilizzare solo due SIM o una SIM e una microSD. A bordo troviamo Android 12; riceverà tre anni di aggiornamenti al sistema operativo e tre anni di aggiornamenti mensili di sicurezza. Tra le altre caratteristiche, Bluetooth 5.1 e NFC. La batteria è da 5.000 mAh con carica rapida da 33W. Il reparto fotografico offre il già citato sensore principale da 108 Mpixel (che combina 9 pixel in 1, per una risoluzione fotografica effettiva di 12 Mpixel) e apertura da f/1.7, una fotocamera grandangolare da 8 Mpixel e una macro da 2 Mpixel. La fotocamera frontale è da 16 Mpixel.

moto g72

Disponibilità e prezzi

Il nuovo moto g72 sarà disponibile nelle prossime settimane al prezzo di 329,90 euro nella configurazione 6/128 GB nelle colorazioni Meteorite Black e Polar Blue.

Giornalista pubblicista, SEO Specialist, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Ho scritto per PC Professionale, SportEconomy e Corriere della Sera, oltre ovviamente a Smartphonology.