Unisciti al canale Telegram di Smartphonology

Lo streaming vicino al 40% del consumo tv negli USA


Il panorama televisivo negli Stati Uniti ha subito una trasformazione radicale negli ultimi dieci anni, con lo streaming che ha scalzato i tradizionali metodi di visione. A seguito del successo del modello all-you-can-stream di Netflix, altri servizi hanno seguito l’esempio, modificando in modo significativo le abitudini dei consumatori americani. Netflix ha aperto la strada, ma in breve tempo si è trovato affiancato da una miriade di servizi di streaming come Disney+, Prime Video, Discovery+, ESPN+ e DAZN, con un’ampia varietà di contenuti che vanno da film e serie a documentari e eventi sportivi. La flessibilità, la facilità d’uso e l’accessibilità economica sono state le chiavi del loro successo.

Secondo i dati di Nielsen, riportati da Felix Richter il 21 novembre 2023, i servizi di streaming hanno raggiunto un punto di svolta nel luglio 2022, dopo aver superato per la prima volta negli Stati Uniti la TV via cavo, con una quota del 34,8% contro il 34,4%. Il trend è continuato e, nel luglio 2023, lo streaming ha raggiunto il picco del 38,7% del consumo televisivo quotidiano statunitense. Il lieve calo registrato a settembre 2023 non è sintomo di una perdita di terreno dello streaming, ma dell’impatto degli sport in diretta, come il football universitario e la NFL, che hanno fatto aumentare la quota di visione della TV lineare dal 20% al 23% nello stesso periodo.

Tra le piattaforme di maggior successo troviamo YouTube al primo posto, con il 9% dello share, a seguire Netflix con il 7,8% e medaglia di bronzo per hulu, pari merito con Amazon Prime Video. Infine troviamo Disney+ con quota 1,9% e tutti gli altri servizi di streaming a seguire. Lo streaming si è affermato come un protagonista indiscusso nel consumo televisivo statunitense, con quasi il 40% del tempo speso dagli americani davanti alla TV. Con l’eccezione degli eventi sportivi in diretta, che rimangono uno degli ultimi bastioni della TV tradizionale, è chiaro che lo streaming continuerà a giocare un ruolo centrale nel futuro dell’intrattenimento televisivo.

Potrebbe interessarti: