Unisciti al canale Telegram di Smartphonology
Huawei Mate X2

HUAWEI MATE X2: tutte le caratteristiche del nuovo pieghevole

Segui Smartphonology su YouTube!

Mentre in Italia aveva da poco preso piede la HMS Huawei Week, nella serata di ieri in Cina è stato presentato ufficialmente Huawei Mate X2, come promesso da qualche piccola anticipazione. La nuova generazione di smartphone pieghevole del brand cinese si discosta un po’ da quanto visto fino ad ora. Netto il cambio di passo rispetto al passato, con il display che non si piega più verso l’esterno, ma verso l’interno, proprio come Samsung Galaxy Z Fold 2.

Le specifiche tecniche di Huawei Mate X2: schermi e prestazioni

Partiamo parlando dalla costruzione. Il dispositivo sfiora i 300 grammi, siamo intorno ai 295 g. Al suo interno Huawei Mate X2 (ovviamente 5G) annovera come previsto il chipset Kirin 9000, supportato da 8 GB di RAM e 256 o 512 GB di storage. Ma la parte forte riguarda ovviamente i display, che sono due. Quello pieghevole, OLED, ha una diagonale di 8 pollici, con rapporto d’aspetto da 8:7,1 e risoluzione da 2.480 x 2.200 pixel. Lo schermo interno non presenta notch o fori, perché le fotocamere per i selfie sono contenute nel display esterno; niente videochiamate con questo schermo, quindi.

Huawei Mate X2
Uno dei possibili utilizzi in multitasking

Lo schermo esterno è invece da 6,45 pollici, anch’esso OLED con rapporto d’aspetto da 21:9 e risoluzione da 2.700 x 1.160 pixel. Entrambi i display supportano il refresh rate da 90 Hz, ma quello esterno dispone di un touch sampling rate più elevato, con i suoi 240 Hz contro i 180 Hz di quello interno. Secondo quanto riportato da GSM Arena, il display interno si avvale di uno “strato nano-ottico controllato magneticamente”, per gli “amici” una tecnologia in grado di ridurre i riflessi e il bagliore. A bordo Emui 11 basata su Android 10, ma potrà essere aggiornato ad HarmonyOS nel corso del 2021. Presenta sul lato anche un sensore di impronte, mentre la batteria è da 4.500 mAh, con supporto alla ricarica rapida da 55 W e se ve lo state chiedendo, sì, il caricabatterie è incluso.

Il reparto fotografico: quad camera Leica

Quattro le fotocamere con cui viene equipaggiato il nuovo pieghevole di Huawei. Come succede spesso con gli smartphone del brand cinese, il reparto fotografico è stato sviluppato in collaborazione con Leica. La fotocamera principale prevede un sensore da 50 Mpixel con sensore RYYB (che avevamo già visto su Huawei P30 Pro). L’apertura è F/1.9, dispone di stabilizzatore ottico e registra video fino a 4K. Con il sistema di chiusura e apertura, può essere utilizzato anche per i selfie. Troviamo anche una fotocamera grandangolare, utile anche per le foto macro, con un sensore da 16 Mpixel. Il comparto prevede anche una fotocamera con un sensore da 8 Mpixel (anch’esso RYYB), con lenti periscopiche 10x, stabilizzatore ottico e apertura F/4.4. Lo zoom è possibile fino a 20x ibrido e 100x digitale. Infine è presente un altro sensore da 12 Mpixel con zoom ottico 3x, apertura F/2.4 e stabilizzatore ottico. La fotocamera anteriore, presente sul display esterno, è da 16 Mpixel, con apertura F/2.2.

Huawei Mate X2
Le colorazioni disponibili.

Prezzi, colorazioni e disponibilità

Huawei Mate X2 sarà disponibile inizialmente in Cina (per ora, ma non ci sono dettagli su una commercializzazione in Europa) al costo equivalente di 2.300 e 2.420 euro circa (rispettivamente per le versioni da 256 e 512 GB) nelle colorazioni Crystal Blue, Crystal Pink, White, Black. Contestualmente sono stati presentati una serie di accessori volti ad un utilizzo più semplice, per una visione più comoda (come supporti, stand e simili) custodie e supporti da auto e cover.

Iscriviti alla newsletter!

Non perdere neanche un aggiornamento di Smartphonology: ricevi gratuitamente recensioni in anteprima, rassegne e novità dal mondo della telefonia!

* indicates required
Accettazione privacy
Roberto Cosentino
Giornalista pubblicista, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Dopo le esperienze da NotebookItalia, PacoDigit e PC Professionale, ecco a voi Smartphonology.