Artifact, ecco le news formato TikTok


I creatori di Instagram anni dopo aver sviluppato il social network ora di proprietà Meta, hanno da poco annunciato la creazione di un nuovo social: Artifact. La nuova piattaforma prende spunto da TikTok e offre agli utenti news personalizzate in base ai rispettivi interessi, attraverso l’apprendimento automatico. Le notizie inoltre potranno essere commentate con gli amici.

Artifact, le news diventano social

Artifact è attualmente in Beta ed è accessibile da una waitlist alla quale è possibile iscriversi dal sito ufficiale, lasciando il proprio numero di telefono. Un progetto lanciato non da giorni, ma da poche ore. In un periodo in cui i video sono il contenuto più fruito, tra formati come Reels, Shorts e TikTok, fa strano vedere un nuovo social basato esclusivamente su testi e link.

I dubbi riguardo questa nuova piattaforma che sfrutta l’IA per offrire le news più gradite agli utenti, mettono però davanti ad un paio di rischi. Gli algoritmi potrebbero, come già succede già su altre piattaforme social, indurre l’utente in bias di conferma, ovvero un pregiudizio che spinge l’utente a prediligere le notizie e le informazioni che confermano le proprie credenze e ipotesi, ignorando o sminuendo le evidenze in grado di smentirle. Inoltre vi è anche il pericolo di cadere in quel che viene chiamato Doom scrolling, ovvero il continuo scorrere di notizie negative. Infine, potendo consultare dal giornale più autorevole al blog meno conosciuto, ci potrebbe essere un moderato rischio, nel caso non fossero state pensate delle misure di sicurezza, che le fake news possano dilagare, causando disinformazione.

Sarà comunque interessante valutare il nuovo prodotto di Kevin Systrom e Mike Krieger e scoprire come hanno intenzione di eludere queste possibili ripercussioni sugli utenti. Inoltre la curiosità di scoprire l’apprezzamento di un RSS feed Reader sotto mentite spoglie in un periodo in cui i video brevi vanno per la maggiore, è innegabilmente grande.

Segui Smartphonology su YouTube!

Giornalista pubblicista, SEO Specialist, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Ho scritto per PC Professionale, SportEconomy e Corriere della Sera, oltre ovviamente a Smartphonology.