iPhone 14 Pro Max

Produrre un iPhone 14 Pro Max 128 GB costa 474$


L’ultima indagine di Counterpoint svela quanto costa ad Apple produrre un iPhone 14 Pro Max. Secondo il report, a Cupertino il top di gamma con 128 GB di storage costa fino a 474 dollari. L’aumento rispetto al modello precedente è di circa il 3,7%. Questo perché il chipset, lo schermo e le fotocamere hanno subito un aumento di costo. Ecco perché la distinta base del flagship (ovvero un documento che serve a gestire produzione, logistica e della disponibilità dei componenti, chiamata anche BoM, Bills of Materials) è aumentata.

Il costo di A16 Bionic

Ad Apple il nuovo chipset A16 Bionic costa 11 dollari in più rispetto alla precedente versione. Questo perché il processore contiene 16 miliardi di transistor, il 6,7% in più rispetto ai 15 miliardi di A15. Questo incremento apporta maggiori prestazioni a CPU, GPU, ISP della fotocamera e motore neurale. Il processo è a 4 nm e quindi più avanzato.

Il display con Always On (di Samsung)

La luminosità del top di gamma di Apple è aumentata in modalità HDR e all’esterno, inoltre è stato (finalmente) introdotto l’Always On. Sono state aggiunte funzionalità che includono una facilitazione nella visualizzazione dunque anche quando la schermata di blocco è attiva. I pannelli di iPhone 14 Pro Max, sono forniti da Samsung.

La fotocamera principale

Anche la fotocamera principale è stata aggiornata, con un sensore di immagine da 48 Mpixel. L’area è più grande del 65% rispetto ad iPhone 13 Pro Max. Non solo, è stato aggiornato anche lo stabilizzatore ottico. A fornire il sensore dell’iPhone 14 Pro Max è Sony. Sunny Optical, Largan Digital e GSEO sono i fornitori dell’obiettivo 7P della fotocamera principale, mentre LG e Innotek forniscono il modulo. La fotocamera frontale è stata arricchita di una funzione di messa a fuoco automatica, con l’obiettivo aggiornato da 5P a 6P. L’obiettivo è fornito principalmente da GSEO e Sunny Optical. Tutti gli aggiornamenti hanno incrementato il costo del reparto fotocamere di 6,30 dollari.

La parte cellulare

Con l’aumento della popolarità del 5G, invece è sceso il costo del modulo cellulare, del 13%. I maggiori fornitori di questa parte sono Qualcomm, Qorvo, Skyworks e Broadcom.

Approvvigionamento da più parti

Il flash NAND è tra i componenti che offrono lo storage del dispositivo, ovvero la parte del telefono in cui vengono memorizzati file, foto, documenti, etc. Sono diversi i produttori che forniscono ad Apple questo componente, tra cui SanDisk e KIOXIA. La RAM è invece fornita da Samsung, SK hynyx e Micron. Invece Boardcom e NXP forniscono i componenti per la connettività wireless, le soluzioni di controllo touch di iPhone 14 Pro Max e i display. Cirrus Logic, Goertek, Knowles e AAC si occupano principalmente del design audio. Infine ST Micro e TI forniscono i circuiti integrati per l’alimentazione e la batteria del dispositivo.

iPhone 14 Pro Max

Cosa sviluppa Apple?

La quota maggiore nel costo complessivo della distinta base di iPhone 14 Pro Max è per via dei componenti proprietari di Apple. Tra questi, oltre al chipset anche il PMIC (Power Management Integrated Circuit) un circuito integrato che gestisce l’autonomia di uno smartphone, oltre al raffreddamento e alla protezione della batteria (che costa molto di più ora da sostituire). Tra i vari componenti anche l’audio, la connettività e i controlli touch. Secondo la stima di Counterpoint, i componenti proprietari di Apple rappresentano il 22% del costo complessivo della distinta base del flagship.

Segui Smartphonology su YouTube!

Giornalista pubblicista, SEO Specialist, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Ho scritto per PC Professionale, SportEconomy e Corriere della Sera, oltre ovviamente a Smartphonology.