Unisciti al canale Telegram di Smartphonology

Le misure del nuovo decreto-legge per gennaio

Segui Smartphonology su YouTube!

A una settimana di distanza dal DL Festività, ecco le nuove misure decise dal Governo e in vigore da gennaio per fronteggiare la pandemia, con la nuova variante Omicron che appare (almeno per il momento) più contagiosa, ma meno dannosa. Le nuove restrizioni pongono i non vaccinati di fronte ad un lockdown sotto mentite spoglie, con l’obbligo vaccinale ancora rimandato. Ecco di seguito tutte le misure.

Green Pass rafforzato ovunque

Dal 10 gennaio al 31 marzo, giorno in cui dovrebbe cessare lo stato di emergenza, il Green Pass rafforzato è stato esteso anche per accedere ad alberghi e strutture ricettive, feste, cerimonie, sagre, fiere, centri congressi e servizi di ristorazione all’aperto. Stesso requisito anche per gli impianti di risalita con finalità turistiche/commerciali in comprensori sciistici, piscine, sport di squadra e centri benessere (anche all’aperto). Il Green Pass rafforzato servirà ad accedere anche a centri sociali, culturali e per le attività all’aperto. In parole povere, per qualsiasi attività extra-lavorativa bisognerà aver completato il ciclo vaccinale o essere guariti da COVID-19. Ma il Green Pass rafforzato sarà necessario anche per accedere ai mezzi di trasporto di qualsiasi tipo, su cui si dovrà accedere con mascherine FFP2. Ciò si traduce in un obbligo, per i lavoratori non vaccinati, di recarsi presso il posto di lavoro solo con la propria auto o a piedi.

FFP2, i prezzi calmierati

Dal DL Festività che ha posto l’obbligo di utilizzo, ha fatto presto esaurire disponibilità e aumentare i prezzi. Ora l’obbiettivo è di fissare il costo a 1 euro al pezzo e raggiungere un’intesa con le farmacie.

Quarantena per i vaccinati

Cambia la quarantena. In caso di contatti con un positivo, i vaccinati con due dosi da meno di quattro mesi o con tre dosi o guarito dall’infezione da meno di 120 giorni, non saranno obbligati alla quarantena. Ci sarà l’obbligo però di indossare fino a 10 giorni dall’ultimo contatto le mascherine FFP2 e, se sintomatici, di sottoporsi ad un test antigenico rapido o molecolare al quinto giorno successivo all’ultima esposizione. Il termine della quarantena/auto-sorveglianza è in concomitanza con esito negativo di test rapido o molecolare, effettuato anche presso i centri privati. In questo caso la trasmissione all’ASL dell’esito negativo anche elettronicamente, pone fine alla quarantena o auto-sorveglianza. Diversamente i vaccinati da più di quattro mesi la quarantena passa da una settimana a cinque giorni, con obbligo di tampone negativo al termine.

Quarantena per i non vaccinati

Non cambiano invece le misure per chi non si è sottoposto al ciclo vaccinale. In caso di contatto con un positivo, rimane l’obbligo di isolamento per 10 giorni. Identiche le regole anche per i positivi. Se asintomatico, si può tornare alla normalità dopo 10 giorni di quarantena dalla data della accertata positività, ma solo nel caso in cui il test molecolare sia negativo. I positivi sintomatici invece dovranno porsi ad un isolamento di almeno 10 giorni dalla comparsa dei sintomi, solo dopo un test molecolare negativo dopo almeno 3 giorni senza sintomi.

Feste, discoteche e capienze

Le capienze saranno consentite al 50% per gli impianti all’aperto e al 35% al chiuso. Stati e palazzetti all’aperto e al chiuso potranno garantire l’accesso ai possessori di Green Pass rafforzato (e cioè a vaccinati o guariti) e con obbligo di mascherina FFP2. Non si possono consumare cibi e bevande in qualunque caso, non è consentita nemmeno la vendita di alimentari. Feste e concerti sono vietati fino al 31 gennaio 2022, quindi anche discoteche e qualsiasi luogo o occasione implichi assembramenti. Non mancheranno controlli in tal senso in vista di Capodanno.

Immagine in evidenza: Telefono vettore creata da freepik – it.freepik.com

Giornalista pubblicista, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Dopo le esperienze da NotebookItalia, PacoDigit e PC Professionale, ecco a voi Smartphonology.
adbanner