Unisciti al canale Telegram di Smartphonology
HarmonyOS

HarmonyOS 2 annunciato ufficialmente: arriverà su 100 dispositivi

Segui Smartphonology su YouTube!

E così Huawei, dopo una lunga fase di sviluppo e miglioramenti, ha annunciato HarmonyOS 2, il sistema operativo che sarà disponibile su oltre 100 dispositivi tra tablet, smartphone, smartwatch (con Huawei Watch 3 presentati oggi) e così via. La strategia di Huawei appare abbastanza chiara. Con HarmonyOS 2 l’azienda di Shenzen vuole recuperare le perdite subite dal ban, attraverso un sistema operativo trasversale e con un’esperienza multi-dispositivo.

Con HarmonyOS 2, sarà infatti molto semplice gestire l’ecosistema e i propri dispositivi connessi. Durante la presentazione avvenuta quest’oggi, è stato illustrato come sarà facile e veloce la gestione dei contenuti multimediali. Da un pannello di controllo, si potranno consultare tutti i dispositivi connessi. E quando un contenuto è riprodotto, si potrà trascinare dal telefono alla TV e viceversa con un semplice Drag&Drop. Se si vuole poi che l’audio venga riprodotto sugli auricolari Bluetooth, sarà sufficiente trascinare il contenuto nell’icona degli accessori audio.

HarmonyOS

La sfida di Huawei con HarmonyOS 2

Il sistema operativo sarà disponibile da oggi in Cina su 16 device, tra cui Huawei Mate 40, P40, Mate X2 e MatePad Pro. Poi HarmonyOS 2 sarà distribuito su oltre 100 dispositivi, ma non sono note al momento le tempistiche per gli altri Paesi. Insomma Huawei si è fatta attendere, i piani dell’azienda sono senza dubbio ambiziosi, ma quella messa in atto è una sfida che la casa cinese mette in atto con se stessa. Se in Cina sarà più semplice convincere gli utenti ad espandere il proprio ecosistema con prodotti Huawei grazie ad HarmonyOS e la sua efficacia nella gestione di più dispositivi, sarà molto più difficile insidiare i competitor su scala globale. Da una parte si troverà Apple, con un’ecosistema strutturato e che vanta anni di vantaggio. Dall’altra parte i vari dispositivi Android e IoT che non necessitano per forza di un sistema operativo trasversale, ma di un comando tramite assistente vocale. Staremo a vedere, intanto la rincorsa è iniziata e Huawei sembra determinata a recuperare terreno.

Iscriviti alla newsletter!

Non perdere neanche un aggiornamento di Smartphonology: ricevi gratuitamente recensioni in anteprima, rassegne e novità dal mondo della telefonia!

* indicates required
Accettazione privacy
Roberto Cosentino
Giornalista pubblicista, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Dopo le esperienze da NotebookItalia, PacoDigit e PC Professionale, ecco a voi Smartphonology.