Ehiweb Mobile ecco il VoLTE, nel 2023 5G ed eSIM


Ehiweb Mobile è arrivato come nuovo player nella telefonia solo un mese fa, ma guarda già al futuro. Mentre nel 2023 arriveranno le eSIM e il 5G, intanto annuncia la disponibilità del VoLTE, per consentire ai propri clienti di chiamare in HD e navigare in 4G. Senza questo servizio infatti, non si può fare entrambe le cose, come abbiamo spiegato qui.

A celebrare il primo mese di attività Ehiweb Mobile fa letteralmente i conti con il debutto. Sono stati 200 gli ordini in tre settimane, con 300 SIM vendute tra privati e aziende, un bilancio che supera le aspettative iniziali, come riferisce la compagnia. Anche perché, come ricorda la stessa, non è stata prevista alcuna campagna pubblicitaria. Ora arriva la tecnologia VoLTE, diffuso sulla rete Vodafone. Sarà dunque possibile chiamare e navigare in 4G, ad una velocità massima di 60 Mbps in download e 30 Mbps in upload. Non è necessario attivarlo, è già incluso senza costi aggiuntivi alle varie tariffe di privati e business. I possessori di iPhone con iOS 15.4.1 o superiore potranno già utilizzare il servizio, che sarà a breve disponibile anche su Samsung Xiaomi e OPPO.

Intanto si guarda già al 2023, con la previsione di attivare il 5G, nuove promozioni e tariffe con minuti illimitati e l’arrivo delle eSIM. Intanto è stato affidato a Simona di Bartolo, Responsabile del Customer Care di Ehiweb Mobile, un commento: “Neanche un mese fa abbiamo anticipato al pubblico la prima evoluzione
tecnologica che ci avrebbe portato nel futuro della telefonia mobile: il VoLTE è la nostra prima
promessa mantenuta. Da noi c’è sempre molto fermento, le sfide del 5G e delle eSIM sono un
impegno che siamo contenti di prendere con tutti i nostri clienti, con le persone e le aziende che in
futuro vorranno metterci alla prova, provare il valore di un customer care differente, e darci fiducia
“.

Segui Smartphonology su YouTube!

Giornalista pubblicista, SEO Specialist, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Ho scritto per PC Professionale, SportEconomy e Corriere della Sera, oltre ovviamente a Smartphonology.