ENEA: un nuovo materiale per le batterie nei veicoli elettrici

Aiutaci a crescere: lasciaci un like :)

L’ENEA, l’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile, insieme a un consorzio di dieci partner, tra cui il prestigioso Centro Ricerche Fiat (CRF), ha raggiunto un traguardo significativo nel campo dei veicoli elettrici. Il progetto FENICE ha portato alla creazione di un innovativo materiale composito fibrorinforzato destinato a rivoluzionare la costruzione dei box batteria dei veicoli elettrici, promettendo maggior sicurezza, efficienza e sostenibilità.

Un Materiale Avanzato per le Batterie del Futuro

Il nuovo materiale, sviluppato in collaborazione con l’azienda italiana Crossfire, si basa su un pre-preg riciclabile che potrebbe presto sostituire i materiali tradizionalmente utilizzati per le custodie delle batterie al litio. Questa innovazione arriva in un momento cruciale, in cui l’industria automobilistica è impegnata in una corsa alla riduzione del peso dei veicoli per ottimizzare le prestazioni e minimizzare le emissioni di CO2, specialmente nel settore dei veicoli elettrici. Il materiale composito sviluppato nel quadro del progetto FENICE si distingue non solo per le sue proprietà tecniche avanzate ma anche per la sua sostenibilità. Prodotto senza generare scarti o sostanze tossiche e basato su materie prime a basso costo e riciclabili, il nuovo composto si propone come soluzione ideale per le produzioni di massa, in linea con le esigenze di un settore sempre più orientato verso l’impatto ambientale.

Test e Applicazioni Pratiche

L’efficacia del nuovo materiale è stata dimostrata attraverso una serie di test condotti da TACITA, azienda specializzata nello sviluppo di veicoli elettrici, che ha sperimentato il composto in contesti reali e competitivi, come la celebre Parigi-Dakar 2024. I risultati promettenti aprono la strada all’adozione del materiale non solo nel settore motociclistico ma anche in quello automobilistico più ampio. Uno degli aspetti più rilevanti del nuovo materiale è la sua capacità di garantire un’alta resistenza al fuoco, contribuendo a elevare gli standard di sicurezza dei veicoli elettrici. In un contesto in cui la sicurezza delle batterie al litio è un tema centrale, questa innovazione rappresenta un passo avanti significativo per proteggere i veicoli e i loro occupanti da potenziali rischi.

Un Futuro di Possibilità

Il progetto FENICE non si ferma qui: le potenzialità del nuovo materiale composito e di altri simili sono al centro di ulteriori ricerche, che mirano ad esplorarne le applicazioni in diversi settori, dalla nautica al ferroviario, dalle costruzioni all’eolico. L’obiettivo è quello di promuovere soluzioni sostenibili e performanti, in grado di rispondere alle esigenze di un mercato in continua evoluzione. Questo primo risultato del progetto FENICE non solo segna un progresso nella ricerca di materiali avanzati per l’industria dei trasporti ma rappresenta anche una conferma dell’eccellenza italiana nel campo dell’innovazione e della sostenibilità, aprendo nuove strade per l’elettrificazione e la decarbonizzazione dei mezzi di trasporto.