Unisciti al canale Telegram di Smartphonology

“Bitmoji veste Valentino”: l’alta moda su Snapchat


Snapchat, la popolare piattaforma di visual messaging, si è unita a Maison Valentino per lanciare una collezione esclusiva per Bitmoji e offrire agli Snapchatter la possibilità di vestire i propri avatar digitali con capi di lusso della collezione Primavera 2024 di Valentino. Questa collaborazione rappresenta un salto nel mondo della moda digitale e sottolinea l’impegno di Valentino nell’investire in questo settore emergente.

Vestire Valentino digitalmente con Snapchat e Bitmoji

Gli Snapchatter possono ora accedere a cinque pezzi esclusivi della collezione di Valentino, tra cui abiti Couture in Crêpe, blazer ricamati, la borsa Valentino Garavani Alltime, pantaloni in denim e décolleté Rockstud con borchie tono su tono. A dicembre la collezione si amplierà ulteriormente, con altri capi di tendenza come le décolleté Valentino Garavani Nite-Out e il VLogo Bucket Hat. La partnership tra Valentino e Snapchat riflette la visione del brand di unire il senso di unicità e appartenenza con la moda digitale, promuovendo l’espressione individuale e costruendo una community globale attorno agli elementi iconici di Valentino.

Per accedere e sbloccare questi look festivi, gli utenti di Snapchat devono andare sulla loro app, toccare l’icona del profilo, poi quella dell’appendino per accedere agli outfit dei Bitmoji e selezionare i capi di Valentino. Gli articoli possono essere sbloccati utilizzando i Token di Snapchat, con la possibilità di acquistarne di aggiuntivi tramite Apple Pay o Google Pay.

Non solo Valentino

Le Collezioni Bitmoji rappresentano un importante passo avanti per Snapchat e consentono agli utenti di esprimere il proprio stile attraverso gli avatar digitali. Le collezioni includono pezzi principali di vari brand, molti dei quali hanno una presenza permanente nella Bitmoji Fashion, e sono disponibili per tutti gli Snapchatter. Questa funzione non solo offre agli utenti l’opportunità di sbloccare capi in formato digitale, ma permette anche ai brand di collaborare con Bitmoji in un modo innovativo e raggiungere un ampio pubblico.

Giornalista pubblicista, SEO Specialist, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Ho scritto per PC Professionale, SportEconomy e Corriere della Sera, oltre ovviamente a Smartphonology.