Unisciti al canale Telegram di Smartphonology

“Mi sembra di vederti in questo video” il fuoco amico gira su Messenger


Un messaggio apparentemente innocuo da parte di un amico su Messenger, ed ecco servita la frittata. “Mi sembra di vederti in questo video?” oppure “Sei tu in questo video?” e di seguito un link. Si tratta di un malware che viaggia su Messenger, il servizio di messaggistica di Facebook e inoltrato dai propri contatti. Non volontariamente, almeno. In genere sono altre persone che hanno cliccato a loro volta sullo stesso messaggio inoltrato involontariamente da altri amici e così via. Ma cosa succede se il link è stato cliccato?

Se non si ha dimestichezza con certe truffe, il phishing o il messaggio arriva da un proprio contatto, può succedere di cliccare sul link contenuto nel messaggio. Una volta seguito il link si apriranno pagine finte e facilmente confondibili con quelle reali di cui vogliono riprodurre le sembianze. Verrà dunque chiesto di inserire i propri dati sensibili, come password o indirizzi e-mail per poter visionare il fantomatico video. Così facendo si consegneranno ai malviventi le chiavi di accesso ai propri account, oltre a consentire involontariamente al malware di installarsi sul proprio dispositivo e diventare a propria volta il mezzo di trasmissione del messaggio malevolo attraverso Messenger.

Mi sembra di vederti in questo video

Cosa fare per risolvere

Innanzitutto è bene effettuare una scansione antivirus (se non si ha un antivirus, esistono dei servizi online appositi) per individuare e rimuovere l’applicazione dannosa. Allo stesso tempo, da un dispositivo diverso, è bene cambiare password del servizio di cui si sono fornite le credenziali. Non solo di quelle consegnate, ma anche quelle inserite successivamente nei siti autentici dal dispositivo infettato. Questo perché esiste la possibilità che il malware da cui si è stati infettati, possa ottenere comunque informazioni ed inoltrarle ai cybercriminali. Avvisare anche l’amico di fare lo stesso, è un modo per bloccare il diffondersi dell’infezione informatica.

Attivare l’autenticazione a due fattori

Sempre nella schermata delle Impostazioni di Facebook, è possibile attivare l’autenticazione a due fattori che attiva un metodo di sicurezza a scelta per proteggere l’accesso al proprio account. In questo modo si riceverà un codice da inserire ad ogni tentativo di accesso. Cosicché i malintenzionati in possesso della password, non potranno accedere senza un altro codice che si potrà ricevere via SMS o attraverso un’applicazione come Google Authenticator.

Immagine in evidenza Tecnologia vettore creata da freepik – it.freepik.com

Giornalista pubblicista, SEO Specialist, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Ho scritto per PC Professionale, SportEconomy e Corriere della Sera, oltre ovviamente a Smartphonology.