Dopo 17 anni gli USA si sono accorti del gioco scorretto di Apple

Aiutaci a crescere: lasciaci un like :)

Nel corso degli anni quello di Apple su iPhone è sempre stato citato come un sistema chiuso. Ancora erano lontani i tempi in cui le rigide regolamentazioni europee mettevano in discussione le pratiche della Mela morsicata. Cupertino negli ultimi tempi si è prodigata per crearsi nuove inimicizie, tra cui Epic, Spotify e così via. Ma ora Apple si trova a dove fronteggiare una minaccia in casa propria. A sfidarla, il Dipartimento di Giustizia americano. “Ogni passo nella linea di condotta di Apple ha costruito e rafforzato il fossato attorno al suo monopolio sugli smartphone“, ha affermato il governo nella causa.

Secondo il governo degli Stati Uniti, Apple ha violato le leggi antitrust impedendo alle altre società di offrire applicazioni in concorrenza con i dispositivi di Cupertino. Tra cui i portafogli digitali. Il motivo? Ciò avrebbe potuto diminuire il valore degli iPhone. Inoltre, le politiche di Apple danneggerebbero i consumatori e le piccole aziende competitor su alcuni servizi Apple. La causa è stata depositata presso la Corte distrettuale degli Stati Uniti per il distretto del New Jersey. Ciò avviene dopo anni di controlli sulla suite di dispositivi e servizi Apple, i quali hanno alimentato la crescita esponenziale dell’azienda statunitense. L’attacco ad Apple prende di mira l’iPhone, che ha sostenuto il modello di business di Cupertino, e che ha venduto miliardi di iPhone venduti dal 2007. Il sistema chiuso progettato da Apple ha sempre inibito l’accesso a funzionalità principali ai rivali e concorrenti. Ad esempio, al chip NFC, ai tracker Bluetooth (che di recente hanno causato altri guai all’azienda guidata da Tim Cook), etc. L’ecosistema Apple è sempre stato avvantaggiato, scoraggiando gli utenti a considerare la possibilità di acquistare prodotti di altri brand.

Il sistema chiuso di Apple è sempre stato giustificato con la scusa di rendere gli iPhone più sicuri. La stessa giustificazione e timore inculcato nei propri utenti, quando si è dovuta adeguare alle norme europee e aprire l’accesso agli store alternativi, almeno nel Vecchio Continente. “Questa causa minaccia chi siamo e i principi che distinguono i prodotti Apple in mercati fortemente competitivi“, ha detto un portavoce di Apple. “Se avesse successo, ostacolerebbe la nostra capacità di creare il tipo di tecnologia che le persone si aspettano da Apple, dove hardware, software e servizi si intersecano. Costituirebbe anche un pericoloso precedente, dando al governo il potere di esercitare un ruolo pesante nella progettazione della tecnologia delle persone”.

Come riporta il New York Times, il Dipartimento di Giustizia ha iniziato le indagini nel 2019. Il caso costruito è il più imponente rispetto a quello mai arrivato sulle scrivanie della casa tecnologica. Non è stato preso in considerazione un singolo elemento del produttore, ma il suo intero ecosistema. Meglio tardi che mai.

Il mio colore preferito è il 9. La mia canzone preferita "Il Fu Mattia Pascal". E il mio film preferito è davvero "Catch me, if you can".