Unisciti al canale Telegram di Smartphonology
Lenovo Second Skin, Salva Espin

Second Skin, Salva Espin unisce online e offline


Come probabilmente i protagonisti di Ready Player One secondo una ricerca recente, il 52% dei gamer si riconosce di più nel proprio alter ego virtuale anziché al proprio nella vita reale, secondo una ricerca condotta da Censuswide su un campione di 7.010 persone tra UK, Germania, Spagna, Italia, Polonia, Paesi Bassi e
Svezia a settembre 2022. Sulla base di questi dati Lenovo, che ha da poco svelato un’estesa gamma di prodotti al CES 2023, ha dato vita al progetto Second Skin, grazie alla collaborazione con Salva Espin, fumettista Marvel e game designer.

La ricerca che ha portato alle Second Skin

La ricerca che ha ispirato a collaborare l’azienda e l’artista vede il 58% dei gamer a proprio agio quando gioca tra le mura domestiche, mentre il 52% si sente a proprio agio in famiglia e tra amici, mentre il 46% quando si occupa ai propri hobby e interessi. Il 60% gioca dopo il lavoro. Gli impiegati sono il 44% del campione, medici e operatori sanitari il 42% degli interpellati ed esperti del settore finanziario il 28%. Non mancano lavoratori del mondo scientifico (40%) i quali amano i giochi di strategia, mentre informatici e creativi (45% e 40% rispettivamente) prediligono giochi di ruolo.

Il fumettista che ha ritratto per la Marvel Deadpool, She-Hulk e Wolverine, ha dato così vita insieme all’azienda ad una collezione di adesivi in edizione limitata, i quali interpretano il dualismo tra online e offline. Gli adesivi sono una rappresentazione di come appariremmo nella vita reale se impersonificassimo la nostra personalità online. Dal mago in pausa caffè al cavaliere che gestisce apparecchiature mediche, gli sticker “Second Skin” sono stati pensati per incoraggiare i gamer ad esprimere il proprio alter ego nella vita reale, a prescindere dal ruolo ricoperto.  

Le opere di Salva Espin saranno poi disponibili al pubblico in alcuni mercati selezionati e solo per l’Italia allo Spazio Lenovo, a Milano in corso Matteotti 10. Gli adesivi Lenovo Legion sono stati chiamati Second Skin. Salva Espin ha riferito che “È stato incredibile prendere parte a questo progetto, che mi ha permesso di esprimere tutte le mie passioni: design, gaming e tecnologia. Mi sono divertito tantissimo durante l’intero processo creativo, lavorando a stretto contatto con il team Lenovo per dare forma ai cinque progetti di sticker in linea con i profili emersi dal sondaggio. Ho già personalizzato il mio Lenovo Legion 7 con gli stickers che rappresentano il dualismo tra il me professionista e il mio alter-ego giocatore, e non vedo l’ora di vedere in che modo questi disegni diventeranno parte integrante dei laptop di migliaia di persone!” .

Collaborare con Salva nella campagna “Second Skin” è stato molto stimolante”, ha affermato Alberto Spinelli, Chief Marketing Officer di Lenovo EMEA. “Lenovo da sempre spinge i gamer ad affrontare qualsiasi tipo di sfida, sia nel gioco che nella vita, e con gli sticker Second Skin, l’obiettivo è quello di incoraggiare la nostra community a esprimere la versione più autentica di sé, che sia al lavoro o nel bel mezzo di una battaglia online. Gli adesivi rappresentano la nostra personalità e Salva è riuscito a raffigurare egregiamente in questi disegni l’incontro e scontro di entrambi i mondi. Speriamo possano trasmettervi la stessa gioia che hanno trasmesso a noi”. 

L’ultimo adesivo lo sceglie la Lenovo Legion Gaming Community

L’ultimo adesivo sarà scelta della Lenovo Legion Gaming Community. Chiunque fino al 26 gennaio potrà inviare una bozza che rivela la propria doppia personalità caricando un disegno all’interno della Community. Il progetto vincitore sarà decretato da Salva, il quale collaborerà con l’autore per trasformare il concept nell’ultima Second Skin.

Giornalista pubblicista, SEO Specialist, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Ho scritto per PC Professionale, SportEconomy e Corriere della Sera, oltre ovviamente a Smartphonology.