Lenovo, obiettivo net-zero entro il 2050

Aiutaci a crescere: lasciaci un like :)

Lenovo, una delle principali aziende di tecnologia a livello mondiale, ha annunciato di avere l’obiettivo di raggiungere il net-zero delle emissioni di gas serra entro il 2050. Questo obiettivo è stato validato e approvato dalla Science Based Target initiative (SBTi), un partenariato promosso dall’UN Global Compact, dal CDP (Carbon Disclosure Project) e dal WWF. Lenovo diventa così una delle prime 139 aziende al mondo i cui obiettivi net-zero sono stati validati dalla SBTi.

Per raggiungere questo obiettivo, Lenovo sta sviluppando un approccio scientifico, collaborativo e trasparente, lavorando a stretto contatto con SBTi in linea con gli Standard Net-Zero. L’azienda si impegna a ridurre le proprie emissioni da oltre un decennio e ritiene che la collaborazione e la trasparenza siano fondamentali per ottenere successo collettivo nella lotta contro il cambiamento climatico.

Adattare gli obiettivi alla SBTi permette alle aziende di sensibilizzarsi sul tema della riduzione delle emissioni. In assenza di tale adattamento diventa difficile convalidare o anche solo sapere quando un’azienda ha raggiunto i propri obiettivi di net-zero. SBTi standardizza il significato di net-zero in riferimento allo sforzo di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C, è dinamica e ricettiva sia dell’impegno collettivo delle aziende che della temperatura variabile del pianeta.

Inoltre, l’allineamento degli obiettivi di riduzione del cambiamento climatico attraverso un ente esterno contribuisce a definire le responsabilità e a dare continuità. Gli obiettivi a lungo termine di Lenovo stanziati per il 2050 coincidono con quelli a breve termine per la riduzione delle emissioni, convalidati dalla SBTi per essere raggiunti entro il 2030.

Giornalista pubblicista, SEO Specialist, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Ho scritto per PC Professionale, SportEconomy e Corriere della Sera, oltre ovviamente a Smartphonology.