Unisciti al canale Telegram di Smartphonology
Gli occhiali anti luce blu servono davvero?

Gli OCCHIALI anti luce BLU servono davvero?

Gli occhiali che filtrano la luce blu sono diventati negli anni un simbolo di attenzione alla salute degli occhi in un’era dominata da schermi e dispositivi digitali. Promossi come una soluzione all’affaticamento degli occhi e ai disturbi del sonno, questi occhiali anti luce blu sono persino diventati accessori di moda, apprezzati da celebrità e influencer. Ma quanto sono davvero efficaci?

Lo studio sugli occhiali anti luce blu

Un recente articolo pubblicato nel Cochrane Database of Systematic Reviews sembra gettare una luce diversa sulla questione. Lo studio dell’autorevole risorsa medica, che pubblica revisioni sistematiche e meta-analisi di studi clinici, ha analizzato dati provenienti da ricerche precedenti e ha concluso che indossare occhiali con filtri per la luce blu non riduce l’affaticamento degli occhi o migliora la qualità del sonno in modo significativo. L’articolo, che esamina 17 studi randomizzati e controllati provenienti da sei paesi, ha mostrato che l’uso a breve termine di tali lenti non offre vantaggi significativi rispetto alle lenti trasparenti standard. Anche l’American Academy of Ophthalmology sostiene che l’incomodo che alcuni provano dopo aver fissato uno schermo è più probabilmente dovuto alla “tensione digitale degli occhi”.

Mark Rosenfield, professore presso il College of Optometry dell’Università statale di New York, ha commentato che le conclusioni dello studio “non sono affatto una sorpresa“. Secondo Rosenfield, nonostante gli occhiali filtranti siano commercializzati come una soluzione all’affaticamento degli occhi, non esiste alcuna prova solida che supporti tale affermazione. Laura Downie, professoressa associata di optometria e scienze della vista presso l’Università di Melbourne e coautrice di uno studio correlato, sostiene che altri fattori, come la frequenza e la durata di utilizzo dello schermo, possono contribuire maggiormente all’affaticamento degli occhi. Un’altra preoccupazione comune riguarda la scarsa qualità del sonno legata all’esposizione alla luce blu degli schermi. Tuttavia, lo studio condotto da Downie e il suo team non è riuscito a trarre conclusioni definitive sull’efficacia delle lenti nel migliorare la qualità del sonno.

l uomo alla moda e alla moda sta posando per il fotografo su uno sfondo insolito in studio fotografico 1280x768 1

La verità sulla luce blu

Contrariamente alla credenza popolare, la più grande fonte di luce blu non sono i dispositivi digitali, ma il sole. Secondo il dott. Rahul Khurana, gli schermi dei dispositivi digitali emettono meno dell’1% della quantità di luce blu che riceviamo dai raggi solari. Altre fonti di luce blu includono luci fluorescenti, lampade fluorescenti compatte e luci LED. Inoltre, alcuni studi suggeriscono che una mancata esposizione sufficiente alla luce solare nei bambini potrebbe influire negativamente sulla crescita e lo sviluppo della loro vista. Una mancanza di esposizione al sole potrebbe anche aumentare il rischio di miopia (miopia) negli adolescenti e nei giovani adulti. In sostanza, evitare completamente la luce blu potrebbe avere conseguenze indesiderate.

Cosa fare dunque?

La luce blu potrebbe interferire con il rilascio di melatonina, l’ormone del sonno. Tuttavia, sia l’articolo del Cochrane Database sia una dichiarazione del dott. Rahul Khurana, portavoce dell’American Academy of Ophthalmology, affermano che filtrare la luce blu prima di andare a letto potrebbe non essere così efficace come comunemente pensato. Gli studi sono inconcludenti e contraddittori a riguardo.

Chi soffre di affaticamento degli occhi o problemi di sonno, dovrebbe quanto prima consultare un medico invece di fare affidamento su soluzioni rapide come gli occhiali filtranti. Inoltre, potrebbe essere utile attivare la “modalità notturna” o la “modalità oscura” sui dispositivi digitali, sebbene non sia ancora chiaro quanto ciò possa essere efficace nel migliorare il sonno. l modo più efficace per proteggere gli occhi dai dispositivi digitali, inoltre, sarebbe di prendere pause regolari utilizzando la regola “20-20-20”: ogni 20 minuti, spostare lo sguardo su un oggetto distante almeno 20 piedi (circa 6 metri) per almeno 20 secondi.

occhiali anti luce blu

L’Importanza della Night Mode

Nonostante la mancanza di prove scientifiche che confermino danni agli occhi causati dalla luce blu emessa dai dispositivi digitali, è innegabile che la luce blu influisca sul ritmo circadiano del nostro corpo, ovvero sul nostro naturale ciclo sonno-veglia. Molti dispositivi oggi offrono una funzione chiamata “Night Mode” o “Modalità Notte“, che riduce la luminosità dello schermo e cambia il colore del display per minimizzare la quantità di luce blu emessa.

La Night Mode funziona sostituendo uno sfondo bianco brillante con uno sfondo nero e utilizzando testo bianco o colorato, riducendo così l’abbagliamento e il contrasto tra lo schermo e una stanza buia. Questo non solo rende la lettura più confortevole, ma aiuta anche gli occhi a adattarsi più facilmente alla luce circostante, riducendo la sensazione di affaticamento visivo. Secondo Raj K. Maturi MD, un oftalmologo e portavoce clinico per l’American Academy of Ophthalmology, l’uso moderato del Night Mode potrebbe avere benefici non solo per il sonno, ma anche per la salute visiva in generale. Maturi sottolinea che una “dose sana” di esposizione alla luce blu potrebbe effettivamente mantenere elevate prestazioni mentali e addirittura ridurre la miopia nei bambini. Tuttavia, è fondamentale gestire questa esposizione, soprattutto durante la notte, per evitare di alterare i nostri cicli di sonno. Studi indicano che i giovani sono particolarmente suscettibili agli effetti della luce blu sul sonno, il che rende l’uso del Night Mode una pratica consigliata.

Comprare o non comprare gli occhiali filtranti?

Allo stato attuale delle ricerche, non c’è nulla che supporti concretamente l’acquisto di occhiali anti luce blu per la salute degli occhi o per migliorare la qualità del sonno. Quindi, prima di investire in un paio di questi occhiali, potrebbe essere più saggio consultare un medico o un optometrista per escludere altre possibili cause di disagio. E se lo consiglia un ottico?

Il consiglio di un ottico può spesso derivare da una buona fede e un desiderio di fornire una soluzione ai problemi comuni associati all’uso prolungato degli schermi. Tuttavia, è importante notare che le evidenze scientifiche attuali non supportano in modo decisivo l’efficacia degli occhiali anti luce blu per prevenire l’affaticamento degli occhi o migliorare la qualità del sonno, come da studi citati in precedenza. Vale la pena considerare anche che non tutti gli ottici sono aggiornati sulle più recenti ricerche scientifiche, e alcuni potrebbero anche avere incentivi commerciali per vendere questi tipi di prodotti.

Giornalista pubblicista, SEO Specialist, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Dopo le esperienze da NotebookItalia, PacoDigit e PC Professionale, ecco a voi Smartphonology.