Unisciti al canale Telegram di Smartphonology
Sennheiser Conversation Clear Plus

Sennheiser Conversation Clear Plus, le conversazioni al centro


Sennheiser ha svelato quest’oggi le nuove TWS Conversation Clear Plus, ideate per poter conversare in modo nitido in ambienti rumorosi, che siano al chiuso o all’aperto. Le cuffie prevedono una tecnologia di miglioramento del parlato, il quale consente alla conversazione di essere al centro dell’attenzione in qualsiasi contesto.

Conversation Clear Plus

Le caratteristiche delle Conversation Clear Plus di Sennheiser

Al loro interno il chip Sonova, in grado di migliorare le chiamate grazie alla funzione Sennheiser Automatic Scene Detection, in grado di analizzare il livello di rumore ambientale, per adattare il livello di miglioramento del parlato in base alle condizioni ambientali in cui si ritrova l’utente. Non manca inoltre la cancellazione attiva del rumore e si ha la possibilità di scegliere la quota di rumore di fondo che si desidera ascoltare. In questo modo l’utente può bloccare le distrazioni, ma con la modalità Ambient Awarness può comunque non isolarsi completamente dal contesto, al bisogno.

Diversi gli scenari impostabili nel corso dell’utilizzo, tra cui Relax, Comunicazione e Streaming. Il primo scenario è regolabile dall’utente, mentre gli altri due regolano automaticamente le impostazioni per offrire prestazioni migliori e massima chiarezza nell’ascolto delle chiamate e nella fruizione di contenuti. Secondo l’azienda, le Sennheiser Conversation Clear Plus offrono un design moderno ed ergonomico in grado di offrire un ottimo comfort. L’autonomia può arrivare fino a 9 ore, mentre con la custodia permette fino a 27 ore di utilizzo.

Prezzi e disponibilità

Le cuffie TWS di Sennheiser sono già disponibili alla vendita al prezzo consigliato di 849 euro.

Giornalista pubblicista, SEO Specialist, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Ho scritto per PC Professionale, SportEconomy e Corriere della Sera, oltre ovviamente a Smartphonology.