Unisciti al canale Telegram di Smartphonology

Samsung, il vicepresidente Lee Jae-yong arrestato per corruzione

Segui Smartphonology su YouTube!

Samsung nel giro di poco più di una settimana, rischia di tornare sulla bocca di tutti e non per la presentazione dei Galaxy S21, ma per l’arresto del vicepresidente Lee Jae-yong, nonché figlio dell’ex-presidente Lee Kun-hee, scomparso lo scorso ottobre. Lee Jae-yong, non è nuovo ad avere problemi con la Giustizia. Già nell’agosto del 2017, il vicepresidente Lee era stato condannato a cinque anni per corruzione e altri reati; in seguito ad un ricorso in appello, la pena era stata sospesa e venne scarcerato nel febbraio del 2018.

Ora Lee Jae-yong è stato nuovamente condannato a due anni e mezzo di carcere dalla Corte Suprema della Corea del Sud, sempre per corruzione e arrestato subito dopo la sentenza. L’incriminazione avvenne insieme ad altri dirigenti per aver offerto tangenti alla ex-presidente sudcoreana Park Geun-hye (poi sottoposta ad impeachment) e all’amica Choi Soon-sil, per far sì che Samsung C&T e la Cheil Industries potessero fondersi.

Con l’arresto per corruzione e appropriazione indebita di Lee Jae-yong, ora Samsung Electronics si trova privo di un vero leader; benché la sua carica di vicepresidente, in realtà Lee era a capo della conglomerata.

Giornalista pubblicista, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Dopo le esperienze da NotebookItalia, PacoDigit e PC Professionale, ecco a voi Smartphonology.
adbanner