Unisciti al canale Telegram di Smartphonology
La recensione di realme GT Neo 3 150W

Recensione realme GT Neo 3 150W: per chi va di fretta

Segui Smartphonology su YouTube!

Non è passato nemmeno un anno dalla presentazione di realme GT Neo2, telefono che più ci ha convinto lo scorso anno e che abbiamo recensito qui. Quest’oggi realme ha presentato una tripletta, ovvero realme GT Neo 3 150W di questa recensione, la versione da 80W (con una batteria più capiente) e realme GT Neo 3T, venduto anche nella edizione Dragon Ball Z (come GT Neo2) e nella Naruto Edition, quest’ultima solo per il mercato asiatico. Il nuovo device presenta alcune sostanziali differenze rispetto al precedente modello. Abbandona ad esempio il chipset Qualcomm per arrivare al nuovo MediaTek 8100, inoltre è tra i primi dispositivi ad equipaggiarlo. Nel complesso il dispositivo è più snello e con un design ancora più accattivante del predecessore. Vediamo come si è comportato nella nostra prova.

La recensione di realme GT Neo 3 150W

Confezione

Lo smartphone arriva nella solita voluminosa confezione di realme, che comprende oltre allo smartphone e l’estrattore, una cover in silicone questa volta trasparente (e meno male, perché quella grigia dello scorso anno copriva il design ed era un peccato mortale) il cavo USB-C/USB-C (già pronto per le nuove norme europee) e l’alimentatore con capacità da 160W con ingresso USB-C.

Design

La livrea della colorazione Nitro Blue in prova riprende il design del precedente dispositivo che tanto ci aveva soddisfatto. Questa colorazione è ancora più accattivante, il blu elettrico viene spento un po’ dalla cover, ma è una colorazione accesa, distintiva e che si discosta un po’ da quanto presente sul mercato. La costruzione prevede plastica nella cornice e vetro, ma nonostante ciò conferisce una piacevole sensazione impugnato. La cover è semi-indispensabile, un po’ per proteggere il device da una leggera instabilità dovuta alla fotocamera, un po’ perché è molto scivoloso. Il nuovo realme GT Neo 3 150W si tiene meglio in mano rispetto al predecessore, perché più snello e leggero, ma di poco più alto. Le dimensioni sono di 163,3 x 75,6 x 8,2 mm e con i suoi 188 grammi è 11 grammi più leggero di GT Neo2. Il vetro posteriore dispone di una finitura del vetro Matte AG Glass, con un ottimo trattamento oleofobico (le ditate sono rare) e un piacevolissimo aspetto opaco.

realme GT Neo 3 150W
C’è anche la versione bianca con strisce nere.

Nella parte inferiore troviamo lo slot per due SIM (niente espansione di memoria e niente jack audio), il microfono, la USB Type-C e uno speaker di sistema; questa volta, invece di collaborare con la capsula auricolare, è accoppiato ad un altro speaker presente nel profilo superiore dello smartphone. L’audio stereo è di più che buona qualità. I profili sinistro e destro presentano rispettivamente il bilanciere del volume e il tasto di accensione, quest’ultimo zigrinato come GT Neo2.

realme gt neo 3 150w

Display e riconoscimento biometrico

Schermo lievemente più ampio, con i suoi 6,7 pollici; insieme a GT2 Pro (qui la recensione) è lo schermo più ampio di realme; inoltre sembra guadagnare in intensità e luminosità. Il pannello è un AMOLED, con refresh rate adattivo da 120Hz, impostabile in automatico o a seconda del contenuto riprodotto. C’è anche il supporto HDR10+, mentre la risoluzione è da 2.412 x 1.080 pixel, il display è inoltre protetto da Corning Gorilla Glass 5. L’esperienza è personalizzabile e piacevole, si può visionare comodamente anche sotto la luce diretta del sole; questa volta il foro è posizionato al centro per gli amanti della simmetria, con la fotocamera che è nascondibile nella barra dalle impostazioni del display.

display realme GT Neo 3 150W

A proposito di schermo, realme ha pensato inoltre ad un processore dedicato, in grado di migliorare le prestazioni in fase di gaming. Il frame rate viene raddoppiato durante le attività di gioco, incidendo meno sulle performance e con un miglioramento dell’efficienza energetica del 22%, migliorano anche le performance della GPU.

Il riconoscimento biometrico è efficace ed affidabile, con lo sblocco con il volto rapido in qualsiasi contesto di luce e con lo sblocco delle impronte digitali, con il sensore posto sotto allo schermo, altrettanto rapido ed efficace. Sopra la fotocamera una ridotta capsula auricolare, che conferisce però un buon audio e un elevato volume.

Hardware & Software di realme GT Neo 3 150W

Il nuovo realme GT Neo 3 150W presenta alcune sostanziali differenze dalla versione precedente. Questa volta troviamo il MediaTek 8100 come cuore pulsante. A supporto, il modello in prova prevede 12 GB di RAM (espandibili virtualmente di 3 GB ulteriori, ma ce n’è davvero bisogno?) e 256 GB di storage. La GPU è la Mali-G610 MC6, mentre la batteria è da 4.500 mAh.

In confezione come accennato in introduzione, c’è l’alimentatore da 160W, ma il telefono è in grado di acquisire la carica fino a 150W. Ed è il piatto forte di questo smartphone, in grado di caricarsi dallo 0% al 50% in 5 minuti e poco meno di un quarto d’ora per una ricarica completa. La carica è davvero rapida, ed è una manna per chi va sempre di fretta, una velocità che si sposa appieno con il design dello smartphone. La batteria non si scarica invece altrettanto velocemente. Benché ci sia stata una sorta di downgrade nel modulo (ma la versione con carica da 80W ha il modulo da 5.000 mAh) realme GT Neo 3 150W dispone di una doppia batteria da 2.250 mAh, per un totale di 4.500 mAh in grado di fornire autonomia per tutta la giornata e poco oltre. Grazie all’ottimizzazione di MediaTek, il telefono offre la possibilità di essere utilizzato fino a sera senza alcun tipo di problema o sofferenza.

gaming con realme GT Neo 3 150W

La ricarica rapida è sicura, secondo quanto riferito dal produttore, grazie a 38 livelli di protezione. Un dual chipset controlla l’interno del telefono nella fase di ricarica, il tutto certificato TUV Rheinland. Secondo realme, i cicli di ricarica garantiti prima che la batteria si deteriori, sono almeno 1.600.

Le performance del dispositivo sono assimilabili a quello di un top di gamma di cui non ha alcunché da invidiare. Il gaming è fluido, non si avvertono rallentamenti di sorta, solo un lieve surriscaldamento nelle attività più intense, ma non siamo di certo ai livelli di alcuni competitor, anche grazie ai nove layer per dissipare il calore. A bordo invece abbiamo Android 12 con realme UI 3.0.

Il reparto fotografico di realme GT Neo 3 150W

Il reparto fotografico si differenzia (ma di poco) dal modello precedente ma si uniforma a quanto visto su GT 2 (qui la recensione) e GT 2 Pro (qui la recensione). Troviamo una fotocamera principale da 50 Mpixel con stabilizzatore ottico e le solite due fotocamere da 8 e 2 Mpixel, grandangolare e macro.

Fotocamere realme GT Neo 3 150W

Le immagini dunque non si discostano molto da quanto offerto dai due flagship di realme menzionati precedentemente. Le foto sono sature, cariche di contrasto e dettagli, non molto fedeli alla realtà. Bene invece di notte, con la fotocamera da 50 Mpixel che se usata a tutta capacità, produrrà invece immagini afflitte da rumore digitale. Bene i video, acquisibili a 60 fps sia 4K sia a 1080p, con il supporto dello stabilizzatore elettronico, ovviamente con la fotocamera principale. Molto bene infine i selfie. Il bilanciamento del bianco tende a cambiare tra una fotocamera e l’altra, mentre consigliamo di non attivare il miglioramento AI e di verificare in quali condizioni la modalità HDR possa aiutare a produrre migliori scatti. In alcune condizioni il software produce immagini distanti dalla realtà, per questo alle volte è consigliabile, per chi ne è in grado, utilizzare la modalità Pro.

Conclusioni

Il nuovo realme GT Neo 3 150W porta dunque una serie di miglioramenti e una velocità di ricarica attualmente tra le più rapide per chi vive di fretta e ne ha concretamente bisogno. L’autonomia in realtà benché il modulo della batteria sia un po’ più contenuto, grazie all’egregio lavoro del MediaTek, viene offerta anche con uso intenso per tutta la giornata lavorativa e fino a sera, ma nel caso in cui venga utilizzato in modo davvero intenso, in pochi minuti la carica sarà al 100%. Rispetto al modello precedente individuiamo un’evoluzione nel design e nelle performance, si guadagna inoltre lo stabilizzatore ottico nella fotocamera principale.

Tuttavia, benché le foto siano di buona qualità, con un ottimo dettaglio, non sono ancora al top, abbiamo preferito la fotocamera della generazione precedente, pur senza stabilizzatore. Il prezzo al lancio di realme GT Neo 3 150W è di 699 euro, la versione precedente nella configurazione di memoria più generosa costava 549 euro. Il costo attuale è sì elevato ma abbastanza in linea con tutti i miglioramenti apportati sul device, anche se a livello fotografico c’è ancora un po’ di strada da percorrere. O da correre. Per il resto rimane un ottimo dispositivo, dall’ottimo design e dalle ottime performance. Fino al 22 giugno è acquistabile al costo di 649 euro, mentre chi vuole risparmiare qualche euro, la versione da 80W costerà 599 euro, mentre al lancio si potrà risparmiare 50 euro. Forse il modello con il rapporto qualità/prezzo più equilibrato.

Videorecensione

In breve

Iscriviti alla newsletter!

Non perdere neanche un aggiornamento di Smartphonology: ricevi gratuitamente recensioni in anteprima, rassegne e novità dal mondo della telefonia!

* indicates required
Accettazione privacy
Roberto Cosentino
Giornalista pubblicista, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Dopo le esperienze da NotebookItalia, PacoDigit e PC Professionale, ecco a voi Smartphonology.