Unisciti al canale Telegram di Smartphonology

Recensione OPPO A96: due giorni di autonomia

Verso la fine di marzo OPPO ha introdotto sul mercato italiano al prezzo di 299 euro OPPO A96, uno smartphone 4G, con performance di buon livello e una fotocamera da 50 Mpixel. Anche l’estetica è molto curata, con un aspetto quasi premium per un fascia media dal costo contenuto. A distanza di qualche mese ecco la nostra recensione.

La confezione di OPPO A96

OPPO A96 arriva in una confezione in cui troviamo oltre allo smartphone, un cavo USB-A/USB-C, l’estrattore, l’alimentatore da 33W e una cover in silicone.

Design e riconoscimento biometrico

Il telefono ha un aspetto molto curato, la colorazione Starry Black della nostra prova, così come la Sunset Blue, prevede l’iconico trattamento OPPO Glow, già visto per esempio su OPPO Reno6 5G e molti altri dispositivi del produttore cinese. Lo smartphone non ha un grandissimo grip, servirà la cover in silicone anche per livellare il dispositivo che senza traballerebbe quando su di una superficie piana, in compenso però non soffre le ditate, ed è elegante e sobria, forse un po’ troppo serioso nella sua veste nera, ma adatta a qualsiasi utilizzo. Certificato IP54, resiste all’acqua e alla polvere. Secondo quanto dichiarato dal brand, ha superato 28.000 test di micro cadute da un metro, ma non ci siamo affidati ad un drop test. Non troviamo materiali pregiati, il telefono è costituito dalla plastica, ma nonostante ciò, benché un po’ scivoloso, è piacevole da maneggiare e l’aspetto è come già detto gradevole e non conferisce la sensazione di avere a che fare con uno smartphone accessibile. Senza cover, tende però ad attrarre un po’ la polvere, che risalta per via della colorazione, specialmente nella sporgenza dell’isola della fotocamera.

OPPO A96 si impugna molto bene, i tasti sono distribuiti affinché possano essere raggiunti facilmente quando tenuto con una mano, sia per mancini sia per destrorsi. Le dimensioni sono di 164,4 x 75,7 x 8,4 mm nella colorazione Starry Black. Pesa circa 191 grammi, con un peso equilibrato e che appare ben distribuito. Nel profilo sinistro il telefono offre il bilanciere del volume e un apprezzatissimo triplo slot per ospitare due SIM e l’espansione di memoria via microSD. Liscio il profilo superiore, mentre nel profilo sinistro troviamo un comodo tasto di accensione facilmente raggiungibile, che integra un sensore di impronte digitali. Lo sblocco tramite impronta è rapido e reattivo. Nel profilo inferiore troviamo da sinistra l’ingresso per il jack audio, il microfono, la USB-C e uno speaker di sistema, che collabora con la capsula auricolare per fornire un buon audio stereo dal volume elevato. Insomma, il terminale offre tutto quello che si può volere su un telefono.

Il display di OPPO A96

Lo schermo ha una diagonale da 6,59 pollici, con pannello LCD. La qualità è più che buona, con una resa fedele alla realtà e che è comunque gestibile dalle relative impostazioni. La risoluzione Full HD+ è da 2.412 x 1.080 pixel, mentre il refresh rate è da 90Hz. Forse non luminosissimo con i suoi 600 nits, ma è possibile consultare i contenuti senza problemi anche sotto la luce diretta del sole. Nello schermo è contenuta in un foro la fotocamera anteriore utile allo sblocco con il volto, riconoscimento che avviene quasi istantaneamente, anche se alle volte il telefono riconosce il volto anche con addosso la mascherina. La protezione del display è di tipo Panda Glass. Lo schermo offre una buona esperienza sia nella riproduzione dei contenuti video, sia nel gaming ed è affiancato a dovere da un buon audio.

display OPPO A96

Hardware & Software

OPPO A96 viene equipaggiato del ben rodato Qualcomm Snapdragon 680 4G, quindi non vi è la possibilità di connettersi alle reti di nuova generazione. Come già detto spesso su altri dispositivi LTE, attualmente non è ancora obbligatorio acquistare uno smartphone 5G, da una parte perché attualmente sono ancora un po’ più onerosi rispetto a quelli 4G, d’altro canto perché allo stesso tempo sarà necessario sottoscrivere un abbonamento con un operatore, ma la copertura non è ancora estesa su tutto il territorio e non tutti gli operatori low cost prevedono abbonamenti 5G. Il chipset è coadiuvato da 8 GB di RAM e 128 GB di storage, come già detto espandibili, la memoria è UFS 2.2. La GPU è invece l’Adreno 610.

Assistente giochi OPPO A96
C’è anche uno strumento per tenere sotto controllo il telefono durante il gaming.

Il piatto forte del dispositivo è la batteria da 5.000 mAh con carica da 33W, secondo il produttore in grado di caricarsi del 50% in 26 minuti. L’autonomia, con un utilizzo normale, arriva comodamente a due giorni di utilizzo, salvo utilizzi intensi: in tal caso si arriva abbondantemente al giorno e mezzo. La batteria generosa e la gestione da parte del chipset, rendono OPPO A96 un dispositivo affidabile. Le performance sono inoltre di buon livello per un dispositivo di questo segmento. Anche con le applicazioni più impegnative non abbiamo notato incertezze di alcun tipo. Nei processi più impegnativi, è stato possibile avvertire un lieve surriscaldamento nella parte superiore posteriore del device, in occasione delle sessione di gaming più intense. Benché il dispositivo sia stato presentato quest’anno, a bordo abbiamo ancora Android 11 e la ColorOS 11.1.

Reparto fotografico OPPO A96

Il reparto fotografico di OPPO A96

Il reparto fotografico di OPPO A96 è piuttosto semplice. Nella parte anteriore abbiamo una fotocamera da 16 Mpixel dedicata ai selfie e due fotocamere posteriori, una principale da 50 Mpixel e una da 2 Mpixel per il calcolo della profondità di campo. In linea generale le immagini sono di buona qualità, ma non sempre sono omogenee tra loro. Alle volte si riscontra una desaturazione e alle volte una saturazione, mai eccessiva in ambo i casi, ma che snaturano, senza eccedere, l’immagine. Qualche problema si riscontra di sera, con un miglioramento con la modalità Notte che però non fa di certo miracoli. In questi casi le foto perdono un po’ di definizione e si osserva un po’ di rumore digitale.

Molto bene i ritratti con la fotocamera posteriore che con il supporto della seconda fotocamera, vengono prodotte immagini ben definite, con colori naturali e un ottimo sfondo sfocato. Il soggetto ben staccato dall’ambiente circostante. Diversamente la modalità ritratto con la fotocamera anteriore è molto artificiosa, i colori sono desaturati (ma è una costante con la fotocamera anteriore) e la sfocatura non è precisa e non prende in considerazione altri eventuali soggetti. I video vengono registrati a 1080p a 30fps, senza alcun tipo di stabilizzazione.

Conclusioni

OPPO A96 è stato lanciato al prezzo di 299 euro a marzo, ed attualmente è acquistabile sul sito del produttore al prezzo di 289 euro in bundle con le OPPO Enco Buds che abbiamo recensito qui. Su Amazon, al momento della stesura dell’articolo, si può acquistare a 269 euro. Il prezzo è in linea con tutto quello che offre il dispositivo, ed è anche vero che a quel prezzo si può acquistare un telefono 5G. Ma, considerando le affermazioni di cui prima, dove non è ancora obbligatorio l’acquisto di un dispositivo in grado di connettersi alle reti di nuova generazione e tutti i pregi di OPPO A96, rendono questo smartphone particolarmente appetibile. Il device è rivolto a chi non vuole spendere un patrimonio per uno smartphone performante e affidabile, al netto di accettare qualche compromesso come ad esempio una fotografia non sempre soddisfacente, soprattutto di sera. Fatte le dovute considerazioni, il terminale è un buon prodotto, dal costo contenuto e offre tutto quello che si può desiderare da un telefono, senza pretese, tenendo inoltre presente che offre fino a due giorni di autonomia con un utilizzo normale.

Videorecensione

In breve

Stories

Smartphonology sarà gratuito per sempre. Puoi sostenere il nostro lavoro attraverso una donazione: se ti va e il contenuto che hai trovato sul giornale ti è stato utile, puoi offrirci un caffè su PayPal, cliccando qui.

Giornalista pubblicista, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Dopo le esperienze da NotebookItalia, PacoDigit e PC Professionale, ecco a voi Smartphonology.
Recensione OPPO Pad Air I Galaxy Watch4 e Watch5 prevengono l’obesità Smartphone Black Friday!
adbanner