OPPO A60 arriva in Italia a meno di 200 euro

Aiutaci a crescere: lasciaci un like :)

OPPO ha annunciato il lancio del nuovo modello della serie A, l’OPPO A60. Il device si distingue per il suo design leggero e sottile, con uno spessore di soli 7,68 mm e un peso di circa 186 grammi. Offre una presa confortevole grazie alla sua cornice ad angolo retto e alla copertura posteriore piatta. Disponibile nelle finiture Ripple Blue e Midnight Purple, presenta un’innovativa struttura della fotocamera e materiali di qualità che garantiscono durabilità e resistenza agli impatti e agli schizzi, come confermato dalla certificazione IP54.

Le caratteristiche di OPPO A60

Il dispositivo vanta un display Ultra-Bright da 6,67 pollici che raggiunge una luminosità di 950-nit, ideale per l’uso in condizioni di forte illuminazione esterna. Supporta un refresh rate di 90Hz, assicurando una visualizzazione fluida e reattiva. Lo smartphone è equipaggiato con la piattaforma mobile Snapdragon 680 a 6nm. A bordo è previsto il sistema Dual Stereo Speakers offre anche la modalità Ultra Volume. La batteria da 5.000 mAh supporta la ricarica rapida SUPERVOOCTM da 45W, con una ricarica del 50% in soli 30 minuti, secondo quanto riferito dal produttore. Il taglio di memoria previsto è di 8 GB di RAM e 256 GB di storage. La configurazione a tripla fotocamera include un sensore principale Ultra Clear da 50MP, una fotocamera per ritratti da 2MP e una selfie da 8MP. Il software integrato, ColorOS 14, garantisce un’esperienza utente fluida e stabile, migliorando la gestione delle risorse hardware.

Disponibilità e prezzi

OPPO A60, è disponibile da oggi nelle colorazioni Ripple Blue e Midnight Purple e configurazione con 8GB di RAM e 256 GB di storage al prezzo di 199,99€ su OPPO Store e presso i principali rivenditori di prodotti elettronici.

Giornalista pubblicista, SEO Specialist, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Ho scritto per PC Professionale, SportEconomy e Corriere della Sera, oltre ovviamente a Smartphonology.