OpenAI, fino a 20.000 $ a chi scova bug


Mentre in Italia il destino di ChatGPT è in mano al Garante della Privacy e al suo Collegio, OpenAI intensifica gli sforzi per rendere l’IA sempre più sicura. Oltre a collaborare con l’Autorità per incrementare la privacy degli utenti, gli sforzi dell’azienda ora sono mirati ad individuare bug e risolverli, incentivando la community con il Bug Bounty Program. I premi? Fino a 20.000 dollari.

L’appello è rivolto agli hacker etici e agli appassionati di tecnologia, affinché individuino e identifichino le vulnerabilità nei sistemi di OpenAI. Il programma Bug Bounty prevede diversi riconoscimenti economici a seconda del bug o della vulnerabilità riscontrata. Il tutto è reso possibile con la partnership con Bugcrowd, una delle principali piattaforme di bug bounty, per gestire il processo di invio e ricompensa.

Il programma parte da 200 dollari per chi individua bug di gravità modesta, fino a 20.000 dollari per le scoperte eccezionali. Il Bug Bounty, lanciato l’11 aprile 2023, è già entrato in funzione e già una decina di utenti hanno individuato delle anomalie, per le quali sono stati riconosciuti gli effettivi premi, stando a quanto si apprende dalla pagina di OpenAI su Bugcrowd.

Per poter partecipare è necessario iscriversi alla piattaforma per la segnalazione dei bug e rispettare una policy stilata dalla società statunitense, al fine di riconoscere le vulnerabilità e segnalarle. Chi parteciperà al programma dovrà inoltre mantenere riserbo sui bug individuati e rispettare una serie di indicazioni illustrate, al fine di poter ottenere il premio.

Seguici su Facebook!

Giornalista pubblicista, SEO Specialist, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Ho scritto per PC Professionale, SportEconomy e Corriere della Sera, oltre ovviamente a Smartphonology.