Unisciti al canale Telegram di Smartphonology
Nothing Phone (2)

Nothing Phone (2) è ufficiale


Carl Pei ha svelato al mondo il successore del suo primo smartphone, ovvero Nothing Phone (2). A livello di design niente stravolgimenti, ritroviamo la caratteristica parte posteriore con i Glyph Leds che assumono diverse declinazioni, che si attivano con il bilanciere del volume, si sincronizzano con un timer, possono trasformarsi in una progress bar per calcolare quanto tempo resta prima che un ordine arrivi a destinazione e gestire le notifiche per ogni app. L’annuncio arriva a pochi giorni dal lancio di Ear (2)

Uno smartphone con una filosofia

Il filo conduttore dello smartphone è la possibilità di utilizzarlo con il minor numero di tocchi possibile. Con queste parole, il numero uno di Nothing, ha ribadito la sua idea di smartphone: “Con Phone (2), offriamo funzionalità di prim’ordine incoraggiando al contempo un utilizzo più intenzionale dello smartphone attraverso l’innovazione del design hardware e software. Lo smartphone è uno strumento fondamentale nella nostra vita, ma è diventato sempre più una forza distraente, rendendoci meno presenti e meno creativi“. Lo scopo è stato perseguito attraverso la possibilità di personalizzare i led al fine di rendere comprensibile all’utente il significato delle varie combinazioni dei LED. Inoltre i widget potranno far accedere gli utenti a funzioni chiave, in modo da non dover aprire le app.

Nothing Phone (2)

Le caratteristiche di Nothing Phone (2)

Lo smartphone è composto in vetro imbottito e alluminio riciclato al 100%. L’80% delle parti in plastica realizzate con materiali riciclati e a base biologica, mentre lo stagno utilizzato su nove circuiti stampati è riciclato al 100%. I led sono 33 contro i 12 della prima generazione. Le dimensioni sono di 162,1x 76,4 x 8,6 mm per un peso di 201,2 grammi. Il dispositivo è certificato IP54, ovvero resistente agli schizzi. Il pannello è OLED, con una diagonale da 6,7 pollici con risoluzione da 2.412 x 1.080 pixel, una luminosità massima di 1.600 nits e protezione Corning Gorilla Glass. La frequenza d’aggiornamento è fino a 120Hz. C’è anche il supporto HDR10+.

Sotto al pannello, oltre al sensore di impronte digitali, troviamo lo Snapdragon 8+ Gen 1, con Adreno 730. La RAM è di 8/12 GB LPDDR5, mentre lo storage è da 128/256/512 GB UFS 3.1. A bordo Android 13 con interfaccia Nothing OS 2.0, ottimizzata in tutto e per tutto per essere veloce il doppio rispetto alla prima versione presente sulla precedente generazione. Il brand ha promesso tre aggiornamenti di Android e quattro anni di aggiornamenti bimestrali di sicurezza. La batteria è da 4.700 mAh, con carica rapida da 45W e wireless da 15W con tecnologia Qi, c’è anche la carica inversa da 5W. Non manca NFC, WiFi 6E, Bluetooth 5.3. (Qui la scheda tecnica).

Nothing Phone (2)

Il reparto fotografico

Non cambia molto il reparto fotografico. La parte anteriore vede l’arrivo di una fotocamera da 32 Mpixel, mentre troviamo due fotocamere posteriori da 50 Mpixel, con il sensore principale Sony IMX890. I video si potranno registrare a 4K a 60fps, ma non quelli della fotocamera anteriore. Il comparto vede anche la collaborazione di stabilizzazione ottica ed elettronica. La grandangolare ha una lente da 114°.

Disponibilità e prezzi

Per l’Italia sarà disponibile nelle configurazioni 8/128 GB al prezzo di 679 euro, 12/256 GB al prezzo di 729 euro e 12/512 GB al costo di 849 euro. In alcuni negozi WINDTRE si potranno ottenere vantaggi disponibili in base all’ordine di arrivo. Bisognerà però contattare l’azienda per scoprire quali negozi avranno l’esclusiva. Gli altri utenti potranno ordinare Nothing Phone (2) a partire dal 17 luglio a mezzanotte. La disponibilità per il mercato è prevista dal 21 luglio.

Le ultime da Nothing:

Errore RSS: WP HTTP Error: cURL error 28: Operation timed out after 10001 milliseconds with 0 bytes received

Prezzi Nothing Phone (2) in tempo reale:

Giornalista pubblicista, SEO Specialist, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Ho scritto per PC Professionale, SportEconomy e Corriere della Sera, oltre ovviamente a Smartphonology.