Unisciti al canale Telegram di Smartphonology

Microsoft ora vale più di Apple


La rivalità tra Microsoft e Apple risale ai tempi dei primi computer, cioè quando le aziende ora miliardarie trovavano i propri albori all’interno di garage appartenenti alle famiglie dei geni dell’informatica. Ma se questa non è una notizia, lo è il superamento di Microsoft su Apple in termini di valore. Se la notizia di questi ultimi giorni vedeva Cupertino spodestare Samsung come regina del mercato in termini di spedizioni di smartphone, niente può contro la cavalcata di Microsoft.

Apple paga un inizio d’anno difficoltoso, con una domanda di iPhone in Cina che trova degli ostacoli e gli Apple Watch negli Stati Uniti che si trovano al centro di una causa con l’azienda Masimo. L’azienda guidata da Tim Cook si è anche trovata ad affrontare un prezzo decrescente delle azioni fino a -3,4%. Diversamente, Microsoft ha proseguito la cavalcata incoraggiante. Tanto da trovarsi, lo scorso venerdì, a superare la capitalizzazione di mercato di Apple, come riporta Statista. Accade per la prima volta da novembre 2021. Bisogna tornare al 2010 quando fu la mela morsicata a sorpassare l’azienda di Redmond, all’epoca alle prese con un rallentamento delle vendite di PC, mentre a Cupertino la spinta del lancio degli iPhone tre anni prima, continuava ad essere positiva.

L’arrivo di Satya Nadella alla guida di Microsoft ha portato una nuova aria, trascinando l’azienda verso nuovi successi. La dipendenza da Windows è stata ridotta, con una maggiore attenzione alle applicazioni aziendali basate su cloud. Senza contare le novità in ambito Intelligenza Artificiale, con le introduzioni di Copilot. E così, alla chiusura del mercato del 12 gennaio, la capitalizzazione di Microsoft era a 2.887 miliardi di dollari, contro i 2.875 miliardi di Apple. Il grafico sottostante mostra l’andamento delle due aziende degli ultimi anni, che sono cresciute quasi di pari passo. Tuttavia spetta ad Apple il primato che l’ha portata a raggiungere il trilione di dollari nel 2018, che sono diventati due nel 2020 e infine tre trilioni nel giugno 2023. Ma Microsoft ora non sembra poi così distante dal traguardo.

Giornalista pubblicista, SEO Specialist, fotografo. Da sempre appassionato di tecnologia, lavoro nell'editoria dal 2010, prima come fotografo e fotoreporter, infine come giornalista. Ho scritto per PC Professionale, SportEconomy e Corriere della Sera, oltre ovviamente a Smartphonology.