Meta, centinaia di dipendenti chiedono trasparenza

Aiutaci a crescere: lasciaci un like :)

Recentemente, una situazione di tensione si è sviluppata all’interno di Meta, la società madre di Facebook e Instagram, dove un gruppo di dipendenti ha espresso preoccupazioni riguardo la gestione dei contenuti relativi alla Palestina. Una lettera interna, firmata da 450 dipendenti, ha sollevato la questione della presunta censura di questi contenuti, chiedendo maggiore trasparenza nelle pratiche di moderazione dei contenuti della compagnia.

Critiche e Azioni Interne

Il fermento interno ha preso vita quando un dipendente di Meta, basato a New York, ha dichiarato di essere sotto indagine per aver condiviso internamente la lettera. La dipendente ha riferito che il documento chiedeva a Meta di “riconoscere le vite palestinesi perdute” e di agire con trasparenza contro la censura interna ed esterna sulle piattaforme. Questo atto ha suscitato un notevole dibattito interno, con la dipendente che ha poi ricevuto una comunicazione dall’HR che annunciava l’avvio di un’indagine a suo carico.

Reazioni e Richieste di Trasparenza

Le reazioni non si sono limitate all’ambito interno di Meta. Anche la sfera pubblica e politica ha mostrato interesse e preoccupazione. La senatrice statunitense Elizabeth Warren ha inviato una lettera al CEO di Meta, Mark Zuckerberg, esprimendo preoccupazione per le pratiche di moderazione dei contenuti che sembrano discriminare specificamente i post e i contenuti relativi alla Palestina. La senatrice ha sollecitato Meta a fornire chiarimenti e maggiore trasparenza, evidenziando come tali azioni possano influenzare negativamente la percezione pubblica della piattaforma come spazio libero e aperto al dialogo.