La telenovela Apple vs. Masimo Prosegue: Apple Watch Series 9 e Ultra 2 banditi di nuovo


E la saga continua! Come in un appassionante episodio di una telenovela senza fine, la vicenda legale tra Apple e Masimo arriva ad un nuovo capitolo: l’Apple Watch Series 9 e l’Apple Watch Ultra 2, con la loro caratteristica funzione di misurazione dell’ossigeno nel sangue, affrontano un nuovo divieto di vendita negli Stati Uniti. La scadenza è fissata per oggi.

Nonostante i tentativi di Apple di evitare la sospensione delle vendite durante il suo appello contro la decisione dell’ITC, la Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Circuito Federale ha respinto la richiesta. La decisione dell’ITC, che ha dato ragione a Masimo, afferma che questi gli indossabili Apple violano due dei suoi brevetti. La situazione però non è così semplice: l’agenzia doganale statunitense ha indicato che la rimozione della funzione di misurazione dell’ossigeno nel sangue mediante un aggiornamento software potrebbe escludere gli orologi dal divieto dell’ITC. In pratica, Apple potrà continuare a vendere l’Apple Watch Ultra 2 e la Serie 9 negli USA, ma senza la caratteristica in questione. Nonostante il divieto temporaneo imposto da Apple dopo la decisione iniziale dell’ITC, la situazione è stata ulteriormente complicata dalla decisione della Corte d’Appello federale di non prorogare la sospensione del divieto. Insomma, un vero e proprio cliffhanger legale.

A questo punto, Apple prosegue con il suo appello nel tentativo di ribaltare il divieto di importazione e vendita. Nel frattempo, in un processo separato in California, una giuria non è riuscita a raggiungere un verdetto unanime sulle affermazioni di violazione di brevetto di Masimo, portando a un processo nullo. In questo nuovo episodio della saga Apple vs. Masimo, il futuro dell’Apple Watch Series 9 e Ultra 2 resta avvolto nell’incertezza. Il divieto di vendita potrebbe essere un colpo duro per Apple, ma l’azienda non si è certo data per vinta. Che dire, appuntamento alla prossima puntata.

Seguici su Facebook!