Unisciti al canale Telegram di Smartphonology

Apple incrementa gli investimenti in R&D e reinventa il futuro


Il colosso tecnologico Apple ha ancora una volta attirato l’attenzione con un significativo aumento della spesa in ricerca e sviluppo (R&D). Nel 2023 fiscale, l’azienda ha investito la notevole cifra di 29,9 miliardi di dollari in R&D, con un’intensità di ricerca e sviluppo che ha raggiunto livelli non visti dai tempi precedenti al lancio dell’iPhone all’inizio degli anni 2000. Questo incremento delle spese riflette l’impegno di Apple verso l’innovazione, in particolare mentre l’azienda si prepara al lancio del suo attesissimo headset di realtà mista, Apple Vision Pro. L’ingente budget in R&D, aumentato di oltre 10 miliardi di dollari dal 2020 fiscale, indica la dedizione di Apple alla tecnologia d’avanguardia e allo sviluppo di prodotti. Le risorse sono state canalizzate in progetti come l’innovativo headset XR e il passaggio al silicio di Apple, entrambi con il potenziale di ridefinire il panorama tecnologico.

Infographic: Apple Ramps Up R&D Intensity to Pre-iPhone Levels | Statista

Il CEO di Apple, Tim Cook, attribuisce l’aumento delle spese in R&D a diversi fattori, tra cui progetti in corso non divulgabili, Vision Pro, avanzamenti in AI, apprendimento automatico e investimenti nel silicio di Apple. Cook sottolinea che la spesa di Apple non è solo competitiva, ma contribuisce anche all’espansione del margine lordo dell’azienda, suggerendo che gli sforzi in R&D si autofinanziano in parte. L’annuncio di Apple Vision Pro alla WWDC nel giugno 2023 ha suscitato un senso di déjà vu, riportando molti indietro al lancio dell’iPhone nel gennaio 2007. Sebbene l’evento di lancio di Vision Pro fosse preregistrato, senza le reazioni dal vivo del pubblico, ha rivelato un dispositivo destinato a rivoluzionare il computing con la sua nuova interfaccia utente. Tim Cook ha paragonato Vision Pro a innovazioni passate come il Mac e l’iPhone, ognuna segnando l’avvento del computing personale e mobile. Apple prevede che Vision Pro introduca il computing spaziale, anche se l’applicazione definitiva “killer” per il dispositivo rimane oggetto di speculazione.

Infographic: Apple's Constant Search for the Next Big Thing | Statista

Come per l’Apple Watch e il primo iPhone, i casi d’uso definitivi di Vision Pro potrebbero evolversi nel tempo. Nonostante il suo alto prezzo iniziale di 3.499 dollari, Vision Pro potrebbe seguire una traiettoria simile ai suoi predecessori, trovando infine la sua nicchia e diventando potenzialmente più accessibile man mano che i prezzi calano. Ma sono supposizioni; anche l’iPhone è diventato sempre più costoso, dal 2007 ad oggi, con le politiche adottate ad Apple (che le han dato ragione). Per di più la Mela Morsicata ha un grande merito: ha ancora una volta reinventato il futuro, o meglio, gli ha ridato hype (i visori non sono mai stati così interessanti come oggi) mentre le potenze e le regioni si sfidano a colpi di Intelligenza Artificiale e metaversi mai nati.